Home Storie Il bimbo cresce

Se arriva mio fratello?

di mammenellarete - 27.07.2009 - Scrivici

fratelli-400.180x120
Quando arriva un fratellino è sempre difficile accettare la novità, soprattutto se il piccolo si trova nella fascia d’età compresa tra i due e i quattro anni in cui ama stare al centro dell’attenzione e ricevere riguardi da mamma e papà.

Le reazioni del bambino che vede arrivare un fratello

 

genitor

 

aggressivo

 

regressivo

 

Nel primo caso il bambino può attaccare il fratellino verbalmente, lanciandogli degli oggetti contro, oppure esprimendo il desiderio di ucciderlo, magari volendo farlo cadere dalla culla. Questa reazione è, però, molto meno frequente di quella regressiva in cui il piccolo regredisce nei suoi comportamenti: anche se grandicello comincia di nuovo ad avere comportamenti da bambino piccolo, come quello di non riuscire a vestirsi da solo, oppure farsi la pipì addosso, ciucciarsi il dito. In alcuni questa reazione di regressione è molto grave tanto che potrebbe anche arrivare a soffrire di insonnia, nervosismo e in casi estremi anche a rifiutare il cibo perché non si sente più al centro dell’attenzione di mamma e papà.

 

 

Alcuni consigli

 

Ovviamente il piccolo va abituato gradualmente all’arrivo del fratellino con alcune azioni che non lo fanno pesare, ma magari lasciano che diventi curioso e cerchi di interessarsi al fratellino dal punto di vista della curiosità.

 

- Innanzitutto è meglio che la mamma parli al più presto di questa situazione prima che si accorga del suo pancione e cominci a fare delle domande quando è troppo tardi;

 

- se si deve cambiare disposizione della cameretta o fare modifiche di qualunque genere per l’arrivo del fratellino, allora è preferibile farlo prima di modo che possa abituarsi alla nuova situazione e possa non legarla al fratellino: non dargli la sensazione di essere stato quasi “sfrattato” dalla sua stanza per fare spazio al piccolino;

 

- fargli pesare il meno possibile questa situazione è la cosa fondamentale, in effetti, è quella di caricarlo di altri cambiamenti di contorno come la nuova cameretta, nuove abitudini in casa, una nuova babysitter, per far sì che non subisca il tutto come un trauma;

 

- coinvolgerlo è un’altra delle regole fondamentali, ad esempio farsi aiutare a preparare la culla, parlargli della situazione, anticipargli che andrete in ospedale e farlo anche venire quando il fratellino sarà nato;

 

- coinvolgerlo sempre in tutte le attività come farsi aiutare a cambiare il pannetto al piccolino, farlo tenere in braccio, ovviamente tenendo tutto sottocontrollo, di modo che possa capire che lui è grande ed è il piccolino ad aver bisogno di cure;

 

- dedicargli attenzioni anche quando si sta svolgendo un’attività per il nuovo fratellino, ad esempio mentre lo si allatta, leggergli una favola, una storia, aiutarlo a fare i compiti e guardare un cartone o la tv con lui.

 

Come ha reagito vostro figlio all'arrivo del fratellino? Raccontate la vostra esperienza sul forum!

 

Foto: Flickr

 

articoli correlati