Home Storie Il bimbo cresce

Prodotti certificati contro le intolleranze a glutine e lattosio

di mammenellarete - 19.02.2010 - Scrivici

prosciuttocotto_590.180x120
Una delle preoccupazioni più diffuse tra le mamme con figli in età da svezzamento è che questi sviluppino sintomi da intolleranza al glutine o al lattosio. E' possibile scegliere una dieta equilibrata per aiutare i bambini ad affrontare eventuali intolleranze?

Il glutine è una sostanza proteica presente in avena, frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta (una varietà del farro) e triticale (un ibrido artificiale tra la segale e il frumento). L’incidenza in Italia della celiachia, ovvero l'intolleranza a tale sostanza, è stimata in un soggetto ogni 100/150 persone. Ogni anno nascono nel nostro paese 2.800 nuovi celiaci, con un incremento annuo di circa il 10%.

Attualmente, l’unico trattamento disponibile per la celiachia è seguire una dieta senza glutine. Devono, quindi, essere evitati alimenti come pane, pasta, pizza, muesli, polenta, malto, germe di grano. E' inoltre percezione diffusa tra le mamme che anche gli insaccati siano da evitare per sospetta presenza di sostanze derivate dal glutine nel processo produttivo.

L'intolleranza al lattosio, lo zucchero presente nel latte, è invece causata da un deficit dell’enzima che ne consente la digestione e, come per l'intolleranza al glutine, è fonte di spiacevoli sintomi per chi ne è affetto, quali diarrea cronica, dimagrimento, pancia gonfia, pallore e stanchezza. L’unica terapia disponibile, anche in questo caso, è la dieta a basso contenuto di tale sostanza. Il lattosio, è bene precisare, non si trova solo nel latte e suoi derivati ma, seppur in piccole quantità, è rinvenibile anche nei dolci, nelle caramelle, nelle merendine e in alcuni insaccati.

Tuttavia, è bene ricordare, che grazie a diverse ricerche in campo alimentare, sono disponibili sul mercato alcuni prodotti certificati che garantiscono l'assenza di sostanze come glutine e lattosio da alimenti generalmente evitati. Un esempio in questo senso è rappresentato dai prosciutti prodotti dall'azienda reggiana Ferrarini, una tra le più importanti realtà europee operanti nel comparto alimentare.

Tutte le confezioni dei prodotti a marchio Ferrarini riportano chiaramente con il loro nome specifico tutte le sostanze allergeniche che entrano direttamente nella ricetta del prodotto o che potrebbero entrarvi a causa di contaminazioni accidentali durante la produzione. Allo scopo di evitare tali contaminazioni tutte le sostanze allergeniche presenti nelle unità produttive del Gruppo Ferrarini sono state adottate specifiche procedure e sistemi di monitoraggio in grado di escludere questo rischio. Su una sezione dedicata del sito aziendale è possibile trovare l'elenco di tutti prodotti in commercio senza glutine e lattosio.

Per chi è affetto da intolleranza al glutine consigliamo anche una visita al sito dell'Associazione Italiana Celiachia: un portale ben aggiornato, che offre informazioni e suggerimenti per affrontare la malattia nel modo meno disagevole possibile. Notizie, eventi, consigli, nonchè un'utilissima sezione dedicata all'alimentazione fuori casa con un elenco di esercizi in grado di offrire un servizio idoneo alle esigenze alimentari dei celiaci.

articoli correlati