Le cure del bimbo

La puericultura e i suoi segreti per l'igiene, la cura e la crescita sana del bambino.

I pannolini lavabili
il 21 agosto 2009, Di mammenellarete
Pannolini usa e getta contro pannolini lavabili: i primi finiscono sotto accusa perché troppo dispendiosi. In tempi di crisi si sa, risparmiare è la parola d’ordine e in famiglia si cerca sempre di tagliare le spese superflue e di impiegare quel denaro per l’acquisto di beni di prima necessità. Ma quando c’è un neonato da accudire i costi aumentano: i prodotti per l’igiene, il latte artificiale, tutti gli accessori come carrozzina, lettino, box ed infine, i pannolini.
I pannolini usa e getta costano tanto ed inquinano molto di più. Questo è il dato che emerge dallo studio di Greenplanet, secondo cui un bambino italiano in media consuma dai 4500 ai 6000 pannolini l’anno, l’equivalente di venti alberi di grandi dimensioni per un totale di circa 1500-2000 euro di spesa.
...continua
Il peso dei bambini e la bilancia da usare
il 21 agosto 2009, Di mammenellarete
Come aumenta il peso del bambino dal momento della nascita e nei primi mesi di vita?
Il genere il peso di un neonato alla nascita si aggira, in media, intorno ai 3300/3500 gr. I neonati che pesano meno di 2500 gr vanno solitamente tenuti sotto osservazione nell'incubatrice.
Subito dopo la nascita si verifica il classico “calo fisiologico” in risposta all’assestamento che l'organismo del bambino sta cercando per adattarsi al nuovo ambiente. Nella primissima settimana di vita del piccolo non ci saranno grandi progressi, ma basteranno pochi giorni perché cominci a prendere peso: in media,  intorno ai 200 gr a settimana.
...continua
Pronto Soccorso Naturale
il 12 agosto 2009, Di mammenellarete
Siete in vacanza e non avete con voi la valigetta del pronto soccorso? Male, non bisognerebbe mai girare senza. Ma non disperate: Fabio Firenzuoli, direttore del Centro di medicina naturale dell'ospedale di Empoli, ha qualche rimedio naturale da consigliarci in caso si verifichi la necessità di un primo soccorso.
...continua
Evitare gli incidenti dei bambini in vasca e doccia
il 15 luglio 2009, Di mammenellarete
Il piccolo può in vasca o in doccia a causa di una nostra disattenzione o di un semplice imprevisto.  Piccoli accorgimenti per evitarlo.
Quante volte vi sarà capitato di veder scivolare tra le mani il bambino e non riuscire ad afferrarlo?
...continua
Come proteggere i bambini dalle zanzare
il 14 luglio 2009, Di mammenellarete
Le zanzare sono il flagello dell'estate e un pericolo per la pelle del bambino.
Quali sono i metodi ideali per scacciarle ed evitare che colpiscano il bambino?
Le zanzare sono attratte dalla vitamina B, dall’acido urico, acido lattico ed acido grasso e soprattutto da acido stearico che è contenuto in molti cosmetici.
...continua
Il pisolino pomeridiano del bambino
il 10 luglio 2009, Di mammenellarete
Il pisolino pomeridiano del piccolo serve a recuperare le energie che ha perso andando a scuola, quando è il periodo adatto, o quelle che ha consumato giocando con gli amichetti per strada in estate o sguazzando in acqua al mare.
In genere, il risposino dura circa due ore ed è bene svegliarlo se continua a dormire, perché il sonnellino deve servire a ripristinare l’organismo e non a rilassarlo completamente come può essere il sonno completo della notte.
Quando il sonno si prolunga, svegliatelo in modo cauto e dolce senza farlo innervosire.
Accarezzatelo mentre lo chiamate.
...continua
Il vantaggio dell’allattamento al seno
il 6 luglio 2009, Di mammenellarete
Allattamento al seno o allattamento artificiale?
Molte mamme si chiedono qual è il modo migliore per nutrire il piccolo. Entrambi i tipi hanno i loro pro ed i loro contro a livello di praticità.
Allattamento al seno
Ha il vantaggio di essere più veloce: quando il piccolo ha fame o negli orari stabiliti delle poppate, la mamma è già pronta per nutrire il piccolo. Uno dei contro dell’allattamento al seno è quello del luogo: è un problema allattare tranquillamente perché molte volte viene considerato uno “scandalo” mostrare il seno nudo della donna.
...continua
La marsupioterapia per il bambino prematuro
il 2 luglio 2009, Di mammenellarete
Grazie allo spunto della nostra mammanellarete Mammuzzi, approfittiamo per approfondire un argomento curioso che sicuramente potrà interessare le mamme di bambini prematuri: la marsupioterapia.
È nata intorno agli anni ’70 in Colombia per sostituire la carenza di incubatrici nelle strutture sanitarie.
Lo scopo principale della marsupioterapia è quello di riprodurre le condizioni che il piccolo ha prematuramente abbandonato e che viveva nella pancia della mamma, quell’attaccamento alla madre che ha vissuto meno, rispetto ad un bambino nato in condizioni normali.
La marsupioterapia è sempre stata utile per fornire al piccolo calore, nutrimento ed affetto grazie al contatto diretto con la pelle della mamma.
Tecnicamente consiste nell’appoggiare il piccolo proprio sul petto della mamma in posizione verticale con l’orecchio appoggiato sul cuore per ascoltare i battiti. L’altro dettaglio è quello di coprirlo con indumenti che creano le condizioni termiche ideali e necessarie per il suo corpicino.
...continua
La carie da biberon
il 23 giugno 2009, Di mammenellarete
Grazie alla domanda posta sul forum dalla nostra mamma nella rete Marisa79, oggi affrontiamo un argomento che tocca il quotidiano: la carie da biberon.
La “carie da biberon” compare tra i quattro mesi e i 5 anni e, a differenza di come si potrebbe pensare, è un problema abbastanza rilevante che non va preso sottogamba.
I dentini dei piccoli sono un argomento che, molte volte, viene tralasciato perché considerato poco rilevante visto che si parla solo di denti “di passaggio” che prima o poi cadranno.
...continua
Il bambino prematuro: la terapia intensiva neonatale
il 11 maggio 2009, Di mammenellarete
Il periodo di transizione che un bambino vive tra il parto e la definitiva vita quotidiana tra le braccia dei genitori, è la terapia intensiva neonatale conosciuta anche come TIN.
Il bambino prematuro, a seconda delle sua condizioni post parto, passerà del tempo, non definito nettamente, all’interno dell’incubatrice per ricevere le cure necessarie per la ripresa autonoma del suo organismo.
...continua
Gli effetti indesiderati dei vaccini
il 15 aprile 2009, Di mammenellarete
I vaccini possono influire sulla salute del bambino con effetti collaterali più o meno intensi.
Abbiamo già trattato le vaccinazioni obbligatorie e le vaccinazioni facoltative o vaccino trivalente.
Affrontiamo quindi uno degli argomenti più scottanti in tema di sanità e salute dei bambini, ossia gli effetti indesiderati (temporanei o permanenti) che i vaccini possono comportare.

Come tutti i tipi di farmaco, i vaccini scatenano degli effetti collaterali che, nella maggior parte, dei casi sono lievi, temporanei e si manifestano con febbre e reazione infiammatoria nella zona in cui è stata praticata l’iniezione. Questi effetti possono essere semplicemente risolti con antinfiammatori e antipiretici.
...continua
La celiachia dei bambini
il 9 aprile 2009, Di mammenellarete
La celiachia è una malattia autoimmune di origine genetica che può comportare gravi conseguenze se non viene diagnosticata in modo tempestivo. La zona principale della sua manifestazione è l’intestino: la parte danneggiata è la mucosa intestinale.
...continua
Il vaccino trivalente e le vaccinazioni facoltative
il 7 aprile 2009, Di mammenellarete
Oltre ai vaccini obbligatori esistono delle vaccinazioni facoltative, come il vaccino trivalente.
Il vaccino trivalente mira a combattere le malattie infettive dei bambini, dette anche esantematiche. Si tratta di malattie non  gravi, se non si verificano complicanze nel decorso delle stesse, come: morbillo, rosolia, parotite, pertosse.
...continua
La prima visita del neonato e l'indice di Apgar
il 31 marzo 2009, Di mammenellarete
La nostra affezionatissima mammanellarete Dada, è ancora una volta utile per stimolare ad informare su argomenti che, molte volte, passano inosservati. Oggi parliamo delle prime visite al bambino appena nato e di alcune visite effettuate al momento del parto.
Il bambino dopo il taglio del cordone ombelicale viene pulito ben bene e visitato. Quali sono i parametri di valutazione e cosa viene analizzato per confermare che sia in buona salute e che il parto non abbia comportato insofferenza?
Innanzitutto, dopo che per qualche minuto viene posto tra le braccia della mamma per acquisire subito l’intimità e la confidenza con l’odore della pelle, viene dato un punteggio al piccolo in base all’indice di Apgar. L’indice di Apgar è un metodo proposto dalla statunitense Virginia Apgar, anestesista che l’ha suggerito nel 1953. Serve ad assegnare un giudizio generale sulle prime condizioni fisiche del bambino, se ha affrontato bene il parto oppure no.
...continua
Il raffreddore del bambino
il 13 marzo 2009, Di mammenellarete
Con l’arrivo della primavera, i bambini sono molto più soggetti al raffreddamento dovuto agli sbalzi di temperatura abbastanza frequenti. La situazione tende ad attenuarsi verso maggio, quando le temperature calde diventano abbastanza costanti.
Quando non si scampa allo spiffero d’aria e gli sbalzi tra caldo e freddo sono netti, il bambino si becca il raffreddore: un’infezione virale che si trasmette attraverso le goccioline della saliva e con tosse e starnuti.
...continua
Il favismo: una malattia rara
il 13 marzo 2009, Di mammenellarete
Che cos'è il favismo? Come si manifesta, come si gestisce e cosa si può fare per prevenirlo? Facciamo chiarezza
...continua
Cosa vede mio figlio? La vista nei bambini
il 2 marzo 2009, Di mammenellarete
Le curiosità di una mamma spesso si concentrano su quello che i bambini pensano, su quello che i neonati vorrebbero dire e, soprattutto, su quello che vedono e come lo percepiscono con gli occhi.
La vista del neonato comincia a svilupparsi già nella pancia e i suoi occhi sono sensibili alla luce. È possibile capire ciò dall’esame ecografico: se il ginecologo passa un fascio di luce sulla pancia della mamma (in un’ecografia, ad es. al settimo mese di gravidanza), il piccolo chiude le palpebre perché è infastidito dal bagliore.
...continua
I bambini e l'intolleranza al latte
il 2 marzo 2009, Di mammenellarete
Dopo il secondo mese di vita, molti bambini incorrono nell'intolleranza oggi sempre più comune e preoccupante: l’intolleranza al lattosio.
Cosa succede nel corpo del bambino? Il suo organismo rifiuta alcune proteine contenute nel latte vaccino, esistente in qualsiasi tipo di latte per l’infanzia e anche in numerosi alimenti. Quando il piccolo è allattato artificialmente, già dai primi mesi di vita, i sintomi dell’intolleranza possono comparire a partire dal secondo mese. Se invece il bambino assume il latte materno, l’intolleranza può presentarsi in due casi, o quando si passa al latte artificiale (sicuramente a base di proteine di latte vaccino), oppure quando dal latte materno provengono sostanze che generano intolleranza nel neonato.
...continua
Come misurare la febbre ai bambini
il 27 febbraio 2009, Di mammenellarete
Nella stagione invernale e soprattutto nel periodo di passaggio tra l’inverno e la primavera, a causa degli sbalzi di temperatura, i bambini sono molto cagionevoli e bisogna fare tanta attenzione alla loro salute.
I piccoli, se non vengono coperti con indumenti che lo riparano dal freddo e dai microbi che l’aria trasporta, possono essere più esposti qualche malanno di stagione come il raffreddore, mal di gola e febbre.
Quando un neonato si ammala è difficile da gestire nei movimenti perché ancora non comprende del tutto le vostre intenzioni, soprattutto se volete misurargli la temperatura corporea.
...continua
La crosta lattea nei neonati: da dove deriva e come si cura
il 24 febbraio 2009, Di mammenellarete
La crosta lattea preoccupa le mamme alle prime armi.
La crosta lattea non è altro che la comparsa di piccole crosticine di colore bianco/giallastro che rendono la pelle del neonato squamata ed, al tatto, leggermente ruvida, grassa ed in rilievo.
...continua
A passeggio con il mio bambino
il 16 febbraio 2009, Di mammenellarete
Con l’inverno, le passeggiate e le uscite fuoriporta sono del tutto ridotte tanto che sembra quasi un obbligo evitare di portare il bambino all’aria aperta. Il bambino, anche se piccolo, ha l’esigenza fisica di uscire, anche quando il tempo non è dei migliori e non è primavera.
...continua
Le coliche dei neonati
il 10 febbraio 2009, Di mammenellarete
Uno degli inconvenienti che una mamma deve affrontare da subito dopo la nascita del bambino sono i pianti notturni, unico mezzo di comunicazione in suo possesso per manifestare un disagio. Ma perché il bambino piange? Potrebbe aver fame? Sonno? Sete?
O possono essere le coliche?
...continua
La medicazione del cordone e ombelicale
il 14 gennaio 2009, Di mammenellarete
Come medicare il moncone del cordone ombelicale una volta che è stato tagliato? Nei primi giorni di vita lo faranno in ospedale, ma una volta tornate a case sarete voi a dovervi occupare della medicazione, ecco come fare.
Il cordone ombelicale, o funicolo, mette in comunicazione la placenta con il feto. Al momento della nascita viene tagliato a circa 10 cm dalla pelle del ventre del neonato. Viene chiuso con una molletta di plastica o con un elastico e coperto con una garza sterile.
...continua
L’importanza della fascia lunga
il 23 novembre 2008, Di mammenellarete
img height="366" src="http://www.lacasagiusta.it/idea-regalo-casa-cucina-vendita/shopping/images/zainetto-porta-bambino/blu-navy-panno-grigio.jpg"...
...continua
L’effetto contrario dell'eccessiva igiene
il 21 ottobre 2008, Di mammenellarete
Se pochi giorni fa parlavamo dell’importanza di lavarsi le mani per gli abitanti, i bambini in particolare, dei paesi del Terzo Mondo, dobbiamo però dire che in occidente esiste il problema inverso, ovvero quello dell’eccessiva igiene.
...continua
l’influenza
il 17 ottobre 2008, Di mammenellarete
Pronti per il vaccino antinfluenza?È arrivato nelle farmacie da pochi giorni e fino fine dicembre ogni momento è buono per questa punturina che ci...
...continua
giornata mondiale per la pulizia delle mani
il 15 ottobre 2008, Di mammenellarete
I rimedi più efficaci sono quelli più semplici e secondo questo principio l’UNICEF ha indetto per il 15 ottobre la prima giornata mondiale per...
...continua
I pannolini ecologici
il 26 settembre 2008, Di mammenellarete
Care mamme,
oggi vi vogliamo parlare dei pannolini ecologici. L'attenzione per l'ambiente è diventata una necessità che non si può più ignorare anche quando si è indaffaratissime dietro a un bambino.
...continua
Le scottature solari e i bambini
il 18 agosto 2008, Di mammenellarete
L'estate è arrivata, con lei la stagione del mare, del sole e delle scottatture.
In spiaggia, si sa, i bambini impazziscono di felicità e può diventare difficile stargli dietro, ma è  importante fare in modo che la loro pelle sia sempre protetta dai raggi solari per evitare le temibili scottature.
...continua
Le vacanze migliori
il 9 luglio 2008, Di mammenellarete
redattrice self-service
Torniamo a parlare di vacanze. Quali sono le vacanze migliori per i bambini: il mare, la montagna, ma specie vacanze con i genitori, con i gruppi scout e se sì a che età? Bisogna fare le vacanze di riposo, di giochi per i bimbi dove ci sono le spiagge o gli alberghi con l'animazione o le vacanze anche culturali in cui si vanno a vedere per esempio le tante bellezze italiane? Qual'è l'età ideale per iniziare a far andare i bimbi in gita scolastica istruttiva? O qual'è l'età ideale per portare i bimbi per musei, per chiese a vedere arte,ecc...? Quando iniziano a recepire e a cogliere il valore di quello che vedono che poi possono diventare anche bei ricordi per quando saranno più grandi?
...continua
Si parla di adolescenti...
il 12 giugno 2008, Di mammenellarete
La nostra dott.ssa Schiavi oggi ci parla di adolescenti. L'adolescenza croce e delizia della nostra vita, in cui tutto è amato e tutto è adiato. Io ricordo ancora con sofferenza e nostalgia la mia di adolescenza. Come affrontare i cambiamenti d'umore di un figlio adolescente, le sue richieste di coccole e allo stesso modo le sue ribellioni? E' possibile che i genitori influiscano con i loro problemi psicologici personali sull'umore dei figli adolescenti? La dott.ssa rassicura la nostra mamma zirillina e con lei tutte le mamme con figli di 12 /16 anni.
...continua
Se non ci si aiuta tra mamme…
il 15 maggio 2008, Di mammenellarete
da Simona (mamma nella rete)
...continua
“Fa' la cosa giusta!”
il 11 aprile 2008, Di mammenellarete
da redattrice self-service
Quante volte ce lo siamo sentiti dire dalle nostre mamme e dai nostri papà. Con tutte le possibilità del caso, qual'è la cosa giusta e rispetto a cosa? A quale sistema di vita, maniera di educare, scelta di vita? “Sta attento a chi frequenti, sta attento a dove vai, guarda a te...” (devo andare in giro con lo specchio?): quante raccomandazioni ci hanno fatto i nostri genitori? E voi mamme quante e quali raccomandazioni fate? Idea: facciamo un piccolo dizionario delle frasi più gettonate!
...continua
Quando la nonna difendeva la lana e il cotone…
il 27 marzo 2008, Di mammenellarete
Ai tempi della nonna non c'era motivo di temere gli ftalati, gli abitini dei bambini erano in fibre naturali, la lana pizzicava un po' sulla pelle, ma di certo non c'era motivo di temere molto di più di un arrossamento, fatta eccezione per i casi eccezionali di allergie. Oggi invece si rimane davvero atterriti leggendo le pagine dei giornali. Leggere questa mattina il pezzo sui pigamini tossici mi ha un po' colpito, poi ho fatto una riflessione: si evolve tutto ed è impensabile rimanere legati alla natura in tutto e per tutto, però si potrebbe ad esempio evitare pigiamini e abitini sempre colorati, leggere bene le etichette; l'articolo in questione riguarda un particolare tipo di colorante non a norma, non proprio la fibra di tessuto.
...continua
Un mondo di suoni per il bebè
il 18 febbraio 2008, Di mammenellarete
Gironzolando in rete questa mattina, ho trovato un articolo interessantissimo sul mondo sonoro del bebè. E' incredibile quanto l'universo del bebè sia inflluenzato dai suoni prima e dopo la nascita, ma è naturale, se ci pensate: avvolto nel liquido amniotico il feto percepisce tutto in modo attutito e sotto forma di sensazioni semplici e basilari, vibrazionali. Sono rimasta affascinata da un passaggio, in cui si accenna alla funzione della voce del padre nella gestazione. Cito testualmente: "Il suono della voce paterna è importante anche perché rappresenta la prima porta verso una realtà esterna. Mentre i suoni uterini e la voce della madre permettono al feto, a poco a poco, di differenziarsi dall’ambiente fluido che lo avvolge e lo aiutano a plasmare una prima identità del sé come essere separato da lei, la voce del padre è il primo suono affettivo e vibrante che gli parla dal mondo esterno che dischiude per lui le porte che separano il dentro dal fuori e che lo accoglie in modo invitante alla vita che lo attende. Una volta nato, il bimbo riconoscerà questa voce fra tutte le altre e saprà che un legame è già esistente."
...continua
Bebè a bordo
il 10 dicembre 2007, Di mammenellarete
Andare in giro con i bambini piccoli non sempre è facile. Noi ci siamo tirati dietro Gabriele da subito, un po’ per abituarlo a vedere gente… e un po’ per non disabituare noi stessi ad una – seppur ridotta – vita sociale. Quando poi è diventato un po’ più grandino, abbiamo iniziato ad allargarci, scoprendo subito che:
...continua
<< < 1 2 3 4 > >>