Home Storie Il bimbo cresce

Argento proteinato e raffreddore dei bambini

di mammenellarete - 26.02.2024 - Scrivici

argento-proteinato-e-raffreddore
Fonte: shutterstock
Argento proteinato e raffreddore: come mettere l'argento proteinato nel naso per il raffrddore dei neonati e dei bambini, quanto è utile?

In questo articolo

Argento proteinato e raffreddore

L'argento proteinato è un antisettico locale e un antibatterico naturale molto usato dalle mamme come decongestionante nasale e per trattare il raffreddore dei neonati e dei bambini. Ma è davvero efficace? Quando si può usare e come metterlo nel naso dei più piccoli?

Quando usare l'argento proteinato?

In genere si può usare dopo i 6 mesi di età, nelle dosi raccomandate dal pediatra. In vendita lo troviamo sottoforma di spray o, più spesso, di gocce che vannoinstillate nel naso.

Come mettere l'argento proteinato nel naso

Sono sufficienti una o due gocce per narice più volte al giorno, facendo attenzione a rimuovere il liquido in eccesso che potrebbe arrossare l'esterno della cavità nasale. Il prodotto può macchiare gli abiti e va usato con la massima cautela. Si consiglia, nelle ore notturne, di coprire la federa con uno straccio o un asciugamano protettivo.

Quanto è utile?

Alberto Villani, direttore di Pediatria generale e dell'emergenza dell'Ospedale Bambino Gesù di Roma, chiarisce che "non vi sono dimostrazioni scientifiche sull'efficacia dei prodotti a base di proteinato di argento che è un prodotto molto usato, e purtroppo prescritto, ma che non ha documentata validità. È una delle tante inutili risposte alle pressanti richieste di soluzione di falsi problemi di salute. In realtà non esistono prodotti, da poter usare con sicurezza nei bambini, in grado di ridurre le secrezioni nasali".

Il raffreddore deve fare il suo corso ed è noto che non esiste una vera e propria cura nè un farmaco miracoloso che lo faccia passare in poche ore. L'unica cosa davvero utile che possiamo fare per liberare il nasino dei bambini e dei neonati e aiutarli a respirare è praticare dei lavaggi nasali con la soluzione fisiologica.

Controindicazioni

Consigliato anche dai pediatri, non vi sono particolari controindicazioni se non una possibile ipersensibilità del bambino verso i componenti del preparato. Tuttavia è importante sapere che un uso eccessivo e un sovradosaggio può causare elevate concentrazioni di argento nel plasma e decolorazione della cute (argiria).

L'argotone un tempo era il nome di un farmaco vasocostrittore che era indicato nel trattamento di raffreddore e congestione nasale negli adulti (i bambini non possono essere somministrati i vasocostrittori). Ad oggi, l'argotone per bambini, nella formulazione 0-12 in spray o gocce nasali, contiene un mix di sostanze innocue che servono a decongestionare, e spesso contengono anche argento colloidale.

Fonti

AIFA

Revisionato da Francesca Capriati

TI POTREBBE INTERESSARE