Home Storie Il bimbo cresce

Igiene e sicurezza per i bambini in piscina

di mammenellarete - 07.06.2011 - Scrivici

piscina-bambini-400.180x120
L'acquaticità è la capacità di muoversi in acqua con agio e senza paura: grazie ai corsi di acquaticità per genitori e bambini, la naturale predisposizione a stare in acqua (come nel grembo materno) e ad andare in apnea (riflesso istintivo) possono svilupparsi fin dai tre mesi di età. Portare i bambini in piscina fin da piccolissimi è propedeutico allo sviluppo psicomotorio e all'apprendimento del nuoto. Ma in piscina ci vuole sicurezza, prevenzione e attenzione.


---

Ti potrebbero interessare anche...

Igiene: virus e micosi

virus

Virus

funghi

piedi

mani

ginocchia

gomiti

papilloma virus

fico

aglio

Fra le micosi (funghi) superficiali, la più comune è quella chiamata piede d'atleta, causata da una famiglia di funghi dermatofiti. La cute si presenta arrossata e con taglietti dolorosi in corrispondenza degli spazi fra le dita e con chiazze squamose e vescicole ai bordi. Le micosi superficiali sono facilmente risolvibili con una terapia a base di farmaci antifungini.

L’infezione del condotto uditivo (otite esterna) è un’infiammazione o infezione del canale esterno dell’orecchio. Il nome comune di questa infiammazione è l’orecchio del nuotatore.
Quando l’acqua entra nel canale uditivo, se non si utilizzano tappini, può rendere la pelle terreno fertile per i batteri.
L’umidità può causare lo sfaldamento della pelle all’interno del canale uditivo (seborrea) e una microlesione della pelle può consentire ai batteri o funghi di entrare in contatto con i tessuti del canale uditivo e causare un’infezione.
Occorre pulire con attenzione il condotto uditivo e, se necessario, ricorrere a un trattamento farmacologico, dietro consiglio del medico. Come prevenzione, è importante utilizzare tappi auricolari durante il nuoto e eliminare l'acqua dalle orecchie alla fine di ogni bagno.

Altre infezioni sono dovute principalmente all'ingestione di acqua inquinata. L'inquinamento dell'acqua della piscina può essere causato da una disinfezione inefficace o da una contaminazione da feci, più frequente nelle piscine per bambini, spesso affollate. Queste infezioni si manifestano generalmente con sintomi quali diarrea e mal di pancia, che con una terapia adeguata si risolvono senza complicazioni.

Sicurezza in acqua

La sicurezza del bambino è il genitore

Bambini sempre marcati a vista, anche in presenza di un bagnino, anche quando hanno braccioli, salvagente, tavoletta galleggiante.

La differenza di temperatura tra il corpo umano e l’acqua provoca una reazione paragonabile a un piccolo shock: è necessario dunque entrare in acqua gradualmente.

Benefici
La famigliarità con l'acqua in età molto precoce stimola lo sviluppo psicomotorio, arricchisce il bagaglio emotivo e percettivo del bambino attraverso l'esperienza di gioco realizzata in acqua con i genitori e aiuta a sviluppare autonomia in acqua, propedeutica a un futuro apprendimento del nuoto e come prevenzione verso possibili incidenti.

La discussione prosegue sul forum di Mamme nella rete: Come prevenire le infezioni da piscina?

Foto: Flickr

articoli correlati