Home Storie Il bimbo cresce

I bambini e l'intolleranza al latte

di mammenellarete - 02.03.2009 - Scrivici

intolleranza_latte_big.180x120
Dopo il secondo mese di vita, molti bambini incorrono nell'intolleranza oggi sempre più comune e preoccupante: l’intolleranza al lattosio. Cosa succede nel corpo del bambino? Il suo organismo rifiuta alcune proteine contenute nel latte vaccino, esistente in qualsiasi tipo di latte per l’infanzia e anche in numerosi alimenti. Quando il piccolo è allattato artificialmente, già dai primi mesi di vita, i sintomi dell’intolleranza possono comparire a partire dal secondo mese. Se invece il bambino assume il latte materno, l’intolleranza può presentarsi in due casi, o quando si passa al latte artificiale (sicuramente a base di proteine di latte vaccino), oppure quando dal latte materno provengono sostanze che generano intolleranza nel neonato.

 

Ti potrebbero interessare anche...

 

 

Cosa vuol dire? Se la mamma ha una dieta a base di proteine del latte vaccino e anche uova, attraverso il latte può trasmettere sostanze che l’organismo del bambino rifiuta. Alcune reazioni del corpo del neonato servono a riconoscere immediatamente l’intolleranza al latte: diarrea e vomito, con una frequenza persistente tanto da bloccare la crescita; anemia, microemorragie a livello intestinale; reazione allergica (questo succede molto raramente); eczema (dermatite acuta).

 

Se siete genitori allergici allora il rischio che il vostro bambino possa divenire intollerante è maggiore; in questi casi è bene che la mamma tenda ad allattare al seno (quando è possibile) fino al quarto/sesto mese e che curi la sua dieta: necessariamente povera di latte, latticini e uova; evitare di introdurre nella dieta del bambino,l’uovo ed, inoltre, è preferibile non svezzare il neonato prima del sesto mese di vita. Quando arriva il momento dello svezzamento si consiglia di provare pian piano ad introdurre alimenti nella sua dieta: l’intolleranza al latte non esclude che il lattante sia affetto da altre intolleranze alimentari o, addirittura, allergie.

 

 

Cosa fare allora?

 

Eliminare il latte artificiale, causa dell’intolleranza e quando il bambino e più grandicello e si nutre anche di formaggi e latticini, cioccolato, burro e tutti alimenti prodotti con il latte, eliminarli dalla sua dieta. Potranno essere introdotti in futuro se si conferma la scomparsa dell’intolleranza. In effetti non bisogna fare gli eroi e provare a far assaggiare al bambino degli alimenti che il suo corpo rifiutava: anche una piccola quantità può creare problemi. Il pediatra indicherà una dieta mirata ed alternativa, senza preoccupazioni per la mamma. Quando si è di fronte all’intolleranza al latte, è bene anche evitare altri alimenti allergizzanti come pesce, uovo, pomodoro ed agrumi (questo nel caso di bambini più grandi che hanno già affrontato lo svezzamento e potrebbero nutrirsi di questi alimenti).

 

Il tuo bambino ha intolleranze? Raccontalo alle altre mamme sul nostro forum "Il mio Bambino"!

 

Ti potrebbero interessare anche...

 

 

articoli correlati