Home Storie Il bimbo cresce

Giornata tipo al mare, con bimba di un anno!

di Lisa Sorrentino - 22.04.2013 - Scrivici

spiaggia-mare-bambina-400.180x120
Da quando è nata lei, abbiamo capito che siamo noi a doverci adeguare alle sue esigenze se vogliamo che cresca serena. Quindi la nostra giornata tipo al mare è stata pensata e gestita per farla stare bene. A parer di qualcuno abbiamo "sacrificato" troppo le nostre vacanze per privilegiare le sue necessità annullandoci. Ma non è così, vederla star bene ci fa star meglio.

di Lisa Sorrentino

 

Ed eccoci, siamo arrivati.

 

Il mare sullo sfondo e già appena usciti dalla macchina, la sabbia tra i piedi.

 

Per fortuna tutti i miei timori si sono rivelati infondati perché la piccola ha riposato tutto il tempo.

 

Ora però è un poco stralunata, ambienti e persone nuove. E il mare!

 

Senza perdersi d'animo cerchiamo di dare una sistemata alle cose e facciamo un giro all'interno della struttura. Portiamo la piccola al rivedere il mare e cerchiamo di organizzare i prossimi giorni.

 

Al mattino, complice le sveglie all'alba di Sonia, dopo la sua colazione, passeggiata in passeggino in riva al mare aspettando che il bar aprisse per fare,noi, colazione. Il mare a quell'ora le cantava una bella ninnananna che conciliava il suo riposo.

 

Verso le otto e mezzo la preparavamo per portarla in spiaggia, quindi primo passaggio di crema solare, pannolino e completo da mare, con un'infinità di giochi per farla socializzare con l'elemento sabbia. Ma nemmeno si trattasse di sabbie mobili! La cedevole consistenza sotto i piedi non le faceva amare quell'elemento per cui tutti i bambini impazziscono. Non ne voleva sapere.

 

Abbiamo poi provato con la palla sul bagnasciuga e le cose sono migliorate. Prendevamo un'asciugamano per sederla e mettere le mani nella sabbia, in questo modo dopo pochi giorni aveva imparato anche lei ad amarla.

 

E' ora del bagnetto e in braccio a mamma o papà rotti gli indugi, inizia il vero divertimento.

 

Asciugata e messa al sole, dopo averla rispalmata di crema, giusto qualche minuto, poi a casa per il pranzo.

 

Doccia insieme a mamma e poi pappa.

 

L'aria di mare ti ha fatto bene all'appetito bambolina, ma è ora di rifocillare anche mamma e papà, che dopo un bel pranzetto al ristorante si meritano un bel riposino insieme alla loro piccola.

 

Dormite impensabili di 4 ore il pomeriggio e al risveglio di nuovo in spiaggia, ma dopo le 18.

 

Poi cena per lei e per mamma e papà e la piccola non reggeva più tardi delle 21. Quindi, siccome non ci andava di farla dormire nel passeggino, eravamo a casa entro quell'ora.

 

Le giornate frenetiche e faticose le richiedevano più tempo per riposare. E noi insieme a lei.

 

A parer di qualcuno abbiamo "sacrificato" troppo le nostre vacanze per privilegiare le sue necessità annullandoci. Ma non è così, vederla star bene ci fa star meglio. Per noi non sono state rinunce, ma un modo diverso di far vacanza. Infondo ne abbiamo beneficiato anche noi.

 

Ci sono persone che fanno scelte diverse e questo non vuol dire che siano sbagliate.

 

Ma da quando è nata lei, abbiamo capito che siamo noi a doverci adeguare alle sue esigenze se vogliamo che cresca serena. E per quanto sia incredibile, non ci pesa!

 

Ti potrebbe interessare anche:

 

 

redazione@nostrofiglio.it

 

Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it

 

articoli correlati