Home Storie Il bimbo cresce

Bambini: come crescere con l'arte. Wildwasser di Paul Klee

di Sara Baistrocchi - 12.03.2014 - Scrivici

wildwasser-klee.180x120
Come aiutare un bambino ad apprezzare l'arte? Che cosa fare per far prendere confidenza? E perché proporre un'opera d'arte come il dipinto Wild Wasser di Paul Klee a un bambino? Lo spiega Sara Baistrocchi, mamma e pedagogista.

L'opera che propongo oggi è un dipinto di Paul Klee e si intitola Wild Wasser che significa Acqua Selvaggia.

Usando linee di diversi colori e sinuosità, l'artista propone la sua poetica interpretazione dello scorrere incessante e tumultuoso di in corso d'acqua. Semplici segni grafici, quasi infantili, rendono in modo molto efficace il movimento e l'incontro-scontro dei diversi flutti e delle correnti.

È interessante proporre questa immagine ai bambini e chiedere loro cosa vedono, senza suggerire a priori alcuna interpretazione né il titolo dell'opera. Si possono poi condividere le diverse impressioni e riflettere insieme circa il modo in cui l'autore ha creato l'immagine.

Aiutiamo il nostro bambino ad osservare che il dipinto è principalmente strutturato a partire da semplici linee di vario genere. A seconda dell'età di nostro figlio cerchiamo di soffermarci sulle caratteristiche delle linee.

Come può essere una linea? Vi sono differenze di colore, di tratto, di spessore, di direzione, di forma ed andamento. Andiamo a caccia di linee e giochiamo insieme a cercare linee nell'ambiente: troveremo linee fessure sui termosifoni, linee-stampate sulla tovaglia, linee-sdraiate nelle taparelle, linee-irregolari e sinuose sul legno del mobile, linee-intrecciate tra le piastrelle, linee arricciolate sul tubo della doccia....infinite possibilità lineari che i vostri bambini noteranno molto più facilmente di voi! E poi ancora linee tridimensionali nastri, corde, spaghi, righelli, strisce di stoffa, code di gomitoli, linee che si aprono e dividono in cerniere, linee che si possono mangiare: spaghetti, grissini, bastoncini di formaggio e ricciolini di verdure...

Continuiamo il nostro gioco provando a disegnare linee di tipi diversi ed utilizzando differenti strumenti: cambiamo spessore, direzione, andamento e forma. Le linee sono un po' pazzerelle e possono trasformarsi in linee seghettate, linee scale, linee tratteggiate o linee onda...lasciamo che i bambini sperimentino e diano un nome ad ogni tipo di segno tracciato. Scherziamo e ridiamo insieme dei buffi risultati ottenuti. Poi usciamo all'aperto e la nostra sperimentazione può continuare nella natura.

linee

Vari tipi di linea

Le linee possono essere create con bastoncini sulla sabbia, con sassi o frammenti di mattone sul cemento, con le dita nel terriccio, camminando tra l'erba, nell'acqua e perfino nell'aria correndo e trascinando un lungo nastro colorato... giochiamo con un pezzo di gesso a disegnare il contorno della nostra ombra sul pavimento: de-lineiamo la proiezione del nostro corpo...

Disegni sulla sabbia

Lasciare una traccia di sé è una cosa estremamente importante per ogni essere umano, ma soprattutto per quelli piccolini, nuovi abitanti di questa vita, pronti a stupirsi per ogni nuova semplice scoperta.

disegni con il gessetto

Lasciare un segno significa dar voce e forma tangibile al proprio sé ed al proprio passaggio. Significa condividere con la realtà il fatto di esistere ed agire. Ascoltiamo ed osserviamo le sperimentazioni ed i suggerimenti dei nostri bambini che spesso ci stupiscono per la loro creatività ed immaginazione. Lasciamoci affascinare dalla poesia dei loro pensieri cercando di essere in linea con la loro sensibilità.

Sull'autrice:

Sara Baistrocchi è pedagogista e mamma di due bambini di 11 e 5 anni. Esperta in processi creativi in educazione, recentemente ha pubblicato un libro con le edizioni La Meridiana. Si intitola GENITORI FATTI AD ARTE ed è un libro per le coppie in attesa.

Dal magazine:

Se la bambina diventa un'opera d'arte

Foto di un bambino da favola

articoli correlati