Home Storie Il bimbo cresce

Dormire nel lettone con mamma e papà

di mammenellarete - 16.04.2012 - Scrivici

Bambini-letto-mamma-e-papa-400.180x120
Poter dormire nel letto con i genitori è il desiderio di ogni bambino, che si acuisce con il rientro a lavoro della mamma dopo la maternità. Questo è un tema molto sentito dalla gran parte delle mamme, che almeno una volta nella vita si sono trovate di fronte al dilemma "ma è giusto far dormire il bambino nel nostro letto?". Partiamo subito col dire che non esiste una risposta univoca: dormire nel lettone con mamma e papà non è un'abitudine sbagliata in assoluto, perchè vanno comprese le ragioni alla base di questa scelta e il periodo di tempo più o meno lungo in cui ciò accade. Ci sono infatti particolari momenti della vita della mamma e del bambino, nei quali l'uno e l'altro sentono l'esigenza di stare più vicini e di sentire maggiormente il contatto tra loro. Ai piccoli accade principalmente quando stanno poco bene, a seguito di una vaccinazione o per una semplice febbre. In questi momenti è facile che la mamma scelga di avere il piccolo accanto a sè anche la notte, per monitorare lo stato di salute del piccolo che, a sua volta, ha maggiormente bisogno di coccole e attenzioni.

Ti potrebbero interessare anche...

Un'altra situazione tipica in cui il piccolo torna a dormire con i genitori è in occasione del rientro a lavoro della mamma. Spesso in questi casi c'è una vera e propria regressione del bambino, che torna ad avere comportamenti ed esigenze di qualche mese prima. Da un giorno all'altro la mamma non è più accanto a lui continuamente e non lo ricopre delle stessa quantità di affetto; questo è un piccolo trauma, che il piccolo spesso sfoga con una maggiore irrequietezza e difficoltà a prendere sonno, soprattutto se lasciato solo nel suo lettino. Se questo è vero, è altrettanto vero che anche la mamma spesso sente l'esigenza di avere il proprio figlio accanto a sè durante la notte, sia per sopperire ad un inconscio senso di colpa per averlo lasciato tutto il giorno, sia per appagare il proprio bisogno di averlo vicino.

Non occorre essere rigidi rispetto a questa abitudine, se soddisfa un bisogno temporaneo della mamma o del bambino. L'importante è che tale pratica non si prolunghi per periodi troppo lunghi tanto da diventare un comportamento radicato e quindi difficile da smantellare.

In caso ciò succedesse bisogna intervenire il prima possibile, con qualche piccolo accorgimento si può riabituare il bambino a dormire nel proprio lettino:



    • spiegate al bambino che nel suo lettino dormire meglio e che la mamma e il papà sono sempre lì vicino a lui per qualsiasi esigenza. Trasmettetegli un senso di sicurezza e tranquillità, che faciliterà anche il suo addormentamento;
    • se non vuole addormentarsi da solo, stategli vicino fin quando non dorme, leggendogli una storia, parlando con lui o semplicemente accarezzandolo;
    • se di notte entra furtivamente nel vostro letto, accompagnatelo subito nella sua stanza, se gliela date vinta una volta, si sentirà autorizzato a tornare sempre;
    • aspettatevi qualche nottata di pianti, è inevitabile che accada. L'importante è non cedere, vedrete che nel giro di qualche giorno il bambino smetterà di lamentarsi e tornerà a dormire da solo.Foto

Ti potrebbero interessare anche...

articoli correlati