Home Storie Il bimbo cresce

Congedo maternità: l'astensione obbligatoria

di mammenellarete - 21.02.2013 - Scrivici

mamma-lavoro-400.180x120
Il congedo di maternità obbligatorio è un periodo di cinque mesi nei quali la donna per legge deve astenersi dal lavoro. Come funziona esattamente? Come è possibile richiederlo? Le domande delle mamme e le risposte dell'avvocato.

“Mi spiegate la burocrazia per la maternità obbligatoria?” (sam)

 

Certo, è semplice!!! La lavoratrice, prima dell’inizio del congedo di maternità, presenta al datore di lavoro e all’Inps il certificato medico di gravidanza contenente la data presunta del parto. Detto certificato è redatto dal medico del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato.

 

“So che la maternità obbligatoria è di cinque mesi in tutto. Ma quanti sono i mesi prima e quelli dopo il parto?” (fabrizia)

 

Come dice fabrizia, il congedo di maternità obbligatorio (chiamato anche “astensione obbligatoria” dal lavoro) è un periodo di cinque mesi durante il quale è fatto divieto al datore di lavoro di adibire la lavoratrice al lavoro. La regola generale è di due mesi precedenti la data presunta del parto e tre mesi dopo (art. 16 del dlgs 151/2001).

 

La lavoratrice dipendente però può continuare l’attività lavorativa nel corso dell’ottavo mese e prolungare il periodo di congedo fino al quarto mese successivo al parto, a condizione che il medico attesti lo stato di buona salute (art. 20 del dlsg 151/2001).

 

La lavoratrice, durante la maternità obbligatoria, ha diritto a percepire l’80% della retribuzione giornaliera (art. 22 del dlgs 151/2001).

 

"Buonasera Avvocato, vorrei sapere se scegliendo il posticipo del congedo di maternità ho l'obbligo di lavorare per tutto l'ottavo mese di gravidanza o posso decidere di posticiparlo per un periodo più breve (es.15 giorni). Grazie." (Elena)

 

La disciplina sul congedo obbligatorio prevede la formula ordinaria 2+3 oppure la formula posticipata 1+4, ovviamente a condizione che vi sia un certificato medico che attesti le buone condizioni di salute. Non mi risulta che vi siano altre possibilità "intermedie".

 

Le domande e le risposte sono tratte del forum di Nostrofiglio.it "Venerdì risponde l'avvocato".

 

Consulenza legale di Nicola Perrotti. L'avvocato Nicola Perrotti risponde gratuitamente ogni venerdì sul forum di nostrofiglio.it alle vostre domande relative a diritto di famiglia (es. diritti delle coppie non sposate, separazione, alimenti, successione...) e al diritto del lavoro (es. aspettativa, matenità, licenziamento...).

 

Ti potrebbe anche interessare:

 

Il congedo maternità obbligatorio: che cosa è

 

articoli correlati