Home Storie Il bimbo cresce

Come misurare la febbre ai bambini

di mammenellarete - 27.02.2009 - Scrivici

termometro_big.180x120
Nella stagione invernale e soprattutto nel periodo di passaggio tra l’inverno e la primavera, a causa degli sbalzi di temperatura, i bambini sono molto cagionevoli e bisogna fare tanta attenzione alla loro salute. I piccoli, se non vengono coperti con indumenti che lo riparano dal freddo e dai microbi che l’aria trasporta, possono essere più esposti qualche malanno di stagione come il raffreddore, mal di gola e febbre. Quando un neonato si ammala è difficile da gestire nei movimenti perché ancora non comprende del tutto le vostre intenzioni, soprattutto se volete misurargli la temperatura corporea.

Quale metodo adottare per misurare correttamente la febbre?

 

Ti potrebbero interessare anche...

 

 

Bisogna trovare un metodo facile e che il bambino accetti per potergli misurare la temperatura. Dopo il divieto definitivo, della Comunità Europea, della produzione di termometri al mercurio perché considerati nocivi (il mercurio è una sostanza tossica che, se dispersa nell’ambiente, può essere uno degli elementi di contaminazione della catena alimentare), sul mercato sono presenti altri tipi di termometro più funzionali e facili da utilizzare soprattutto per un bambino. Se il bambino ha la febbre, ci sono vari metodi per misurargliela.

 

Il metodo rettale, è uno dei metodi più efficaci da utilizzare se il bambino è neonato, perché è capace di muoversi in continuazione; in effetti, in piccolo non sarebbe in grado di restare quasi immobile per almeno tre minuti (tempo minimo perché un termometro classico misuri la febbre) con un termometro sotto l’ascella. Il termometro, dopo essere stato lubrificato con vaselina, va introdotto nel retto del neonato con cautela per 2cm, se parliamo di un bambino piccolo, per 5cm se il bambino è un po’ più grandicello. Da ricordare che con questo metodo di misurazione, può considerarsi febbre la temperatura che va oltre 38° (quindi il minimo per essere febbre è 38°), perché è interna e quindi non influenzata da quella esterna.

 

orale

 

bambino

 

Il metodo ascellare è quello da tutti più conosciuto e più diretto. L’ascella del bambino deve essere asciutta e il termometro sterilizzato con alcool. Dopo averlo posto sotto l’ascella aspettare almeno cinque minuti: la temperatura misurata con il metodo ascellare, è influenzata dalla temperatura esterna dell’ambiente. In questi casi si parla di febbre se supera i 37,5°.

 

Esistono anche altri metodi come quello auricolare (in cui il termometro è introdotto per qualche minuto nell’orecchio del piccolo); in commercio ci sono anche delle strisce rilevatrici di temperatura che si poggiano sulla fronte, ma non sono completamente affidabili come può esserlo un termometro digitale che è abbastanza preciso.

 

Condividi la tua esperienza con le altre mamme nel nostro forum "Il mio bambino"!

 

Ti potrebbero interessare anche...

 

 

articoli correlati