Home Storie Il bimbo cresce

Che fare se il bimbo vuole un cucciolo?

di mammenellarete - 25.06.2012 - Scrivici

bambini-e-animali-400.180x120
Spesso i bambini chiedono di avere un cane o un gatto come se chiedessero di avere un giocattolo visto in una vetrina, cosa devono fare in questi casi i genitori? La dottoressa Francesca Pezzali, Psicologa e Psicoterapeuta del Centro Relà di Roma, sul portale petpassion.tv ha dato alcune indicazioni molto interessanti in merito.

Ti potrebbero interessare anche...

"Prima di tutto- ha affermato - una richiesta del genere non ha niente a che vedere con carenze affettive" , per questa ragione possiamo decidere di dire no senza troppi sensi di colpa, infatti, "Pensando alle numerose occasioni nelle quali un genitore si trova in dovere di dire dei NO ai figli, questa non è tra le più difficili da affrontare. Anche i bambini, infatti, possono comprendere chiaramente le difficoltà contingenti che impediscono, a volte, di accogliere un animale domestico in casa."

Per responsabilizzare il bambino, continua la dott.ssa Francesca Pezzali "va innanzitutto spiegato che l’animale non è un giocattolo, un semplice oggetto in grado di muoversi. Si tratta di un essere vivente con delle caratteristiche specifiche, un suo temperamento e delle sue esigenze. È bene affidare al bambino, sin da subito, la responsabilità di alcune incombenze, proporzionate naturalmente alla sua età e alle sue competenze: assicurarsi che l’animale abbia sempre acqua a disposizione, oppure di occuparsi una volta al giorno del pasto ecc. I genitori devono sempre tenere a mente, comunque, che l’entusiasmo iniziale tenderà a diminuire senza che questo modifichi l’affetto per l’animale.

I buoni e sinceri propositi del bambino saranno spesso dimenticati non per disinteresse, ma per la natura stessa del bambino, che è in continua crescita ed evoluzione ed ha bisogno di cambiare spesso oggetto di interesse. Non sfoderiamo, però, il famoso “te lo avevo detto che alla fine avrei dovuto occuparmene io..” Anziché sostituire il bambino nella cura dell’animale, affianchiamolo così da aiutarlo a sperimentare che la pazienza si allena e la noia e la stanchezza si possono superare"

Se si decide di prendere un cucciolo è importante tener presente che "vivere con un animale domestico è un’esperienza importante per il bambino sia dal punto cognitivo che affettivo. Lo mette, infatti, in condizione di osservare, conoscere e sperimentarsi e tutto questo all’interno di in una relazione intensa e ricca (…) La scelta va fatta soprattutto in funzione alle caratteristiche dell’abitazione e dello stile di vita dell’intera famiglia, più che in base al carattere del bambino: l’abbinamento ideale è quello che permette di tutelare sia l’esperienza del bambino sia le esigenze dell’animale.

Ti potrebbero interessare anche...

articoli correlati