Scuola materna

Scuola materna: l'esperienza disastrosa di mio figlio

Di mammenellarete
ipa_ex3efa
21 Novembre 2017
A tre anni mio figlio ha iniziato l'asilo. All'inizio era felice, ma poi cambiò bruscamente. C'era qualcosa che non andava, aveva crisi di rabbia, incubi, vomito e aveva smesso di mangiare, lui che era sempre stato allegro e mangione. Poi un giorno mi disse che la maestra lo aveva picchiato. Decisi di cambiargli scuola e le crisi passarono. Solo che l'hanno dopo non ritrovò le stesse maestre e ricominciò il calvario. 
Facebook Twitter Google Plus More

Finalmente mio figlio compie 3 anni. Inizia l'asilo ed è felicissimo. Ma da lì in poi non è più quello di prima: è nervoso, irrequieto con crisi di rabbia e incubi durante la notte, vomiti, rifiuto del cibo, paura del buio, insomma un altro bimbo, non il solito  allegro e spensierato.

Dopo due settimane dall'inizio dell'asilo, all'uscita correndo mi dice: "Mamma mi ha picchiato!". E io gli chiedo chi è stato, che cosa è successo.

"Mamma non farmelo dire tante volte, io te lo dico, ma tu non ti arrabbi con me, vero?". Ed io gli dico di stare tranquillo. E lui mi spiega che è stata la maestra. Allora gli domando perché l'avrebbe fatto. E lui risponde "Io non ascolto mai perché non mi piace e lei mi picchia e mi punisce". 

A quel punto rimasi basita...

Il giorno dopo però lui mi disse che non era vero...

Quindi non diedi troppo peso a quelle parole. Ma il mio bambino continuava a non essere più quello di prima! Era stato l'asilo a farlo cambiare così tanto???

Non ero più tranquilla. Iniziai a tenerlo d'occhio,  non mi perdevo neanche un minuto della sua giornata. Passò il tempo e lui era sempre peggio.

Un giorno mi riferì nuovamente che la maestra lo aveva picchiato perché lui non aveva ascoltato e che lo aveva chiuso in bagno.

Poi si ammalò e rimase a  casa 10 giorni. In questo periodo  si tranquillizzò un po' e mi fece promettere che non sarebbe più andato all'asilo.

Lo portai anche dallo psicologo per qualche tempo. Poi finalmente ci chiamarono da un altro asilo. E finalmente trovò la pace.

Ma non finisce qui.

 

Infatti dopo l'estate ritorna al nuovo asilo e non trova più quelle maestre con cui si era trovato tanto bene. E dopo tre giorni dall'inizio della scuola il piccolo mi dice nuovamente che la maestra lo picchia. A questo punto sono andata a parlare con la dirigente e le maestre, ma come al solito non mi hanno ascoltata e mi hanno detto che i bambini hanno tanta tanta fantasia. 

 

Ero stufa marcia, e ho pensato di tenermelo a casa, poi mi è venuta in mente un'altra scuola. Così feci richiesta. Intanto il bambino aveva ricominciato con le sue crisi: incubi, disturbi. Poi mi chiamarono nell'altra scuola. Ma lì rimase tre giorni, neanche lì voleva andare: piangeva e vomitava prima di entrare. 

Dopo due mesi abbiamo scoperto che lo punivano se non mangiava.

 

Così lo tenni a casa e dopo un mese mi chiamarono nella sede distaccata della scuola dove aveva fatto un anno, ma mio figlio non voleva andare più e mi disse che sarebbe andato solo se c'era la maestra dello scorso anno. 

Per fortuna l'ho trovata e lo hanno accettato in quella classe.

Ora lui si trova bene e tutte le crisi sono passate. 

 

Vorrei dire a tutte le mamme di credere sempre ai bambini perché non sono sempre bugie. Non fatevi abbindolare dalle parole delle maestre alcune non sono portate e non siamo tutelati. A mio figlio è andata bene, ma tanti bimbi non parlano e poi finiscono in terapia per anni solo perché non sono stati ascoltati. 

 

Storia di mamma Gabriella, editata dalla redazione

 

 

 

Vuoi scriverci anche tu una storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it

 

 

 

 

 

LE ULTIME STORIE