1 - 3 anni

Mia figlia autistica, sono fiera di lei!

Di mammenellarete
mamma-con-figlia
05 Agosto 2014
Sono stata sempre smemorata per quanto riguarda le date delle ricorrenze, certo... quelle delle nascite dei miei cuccioli me le ricordo...beh anche quella del Natale, ma per il resto sono un disastro. Ma c'è una..... una che vorrei scordare a tutti i costi, ma non ci riesco: 12.08.2013.
Non è una data della nascita o morte di qualcuno, ma rappresenta un cambiamento totale nella vita della mia famiglia. Quel giorno ho scoperto che mia figlia (all'epoca di 27 mesi e mezzo) è autistica. Da quel giorno prego il Dio di passare a me il disagio della mia dolce cucciola. Prego Dio, anche se sono arrabbiata con Lui, non perché mia figlia sta male, ma perché mi ha permesso di allontanarsi anni fa da Lui e sento di
Facebook Twitter Google Plus More

non aver diritto ne di chiedere la grazia per mia figlia, ne per avere un po' di consolazione.

12.08.2013....da quel giorno ho smesso di sorridere, ho cominciato a piangere ogni giorno e ho scoperto quanto dolore si può sentire per il disagio del proprio figlio. Avete presente le "5 fasi dell'elaborazione del dolore"? In genere vengono associate al lutto. Mia figlia fisicamente sta bene e per questo ringrazio a Dio perché so che molti bimbi soffrono e vengono chiamati nel cielo troppo presto. Ma io queste fasi le sperimento lo stesso.

Prima c'era la "negazione": no, non sarà questo, magari è solo un po' in ritardo rispetto agli alti bimbi, magari si tratta di un disturbo più lieve e nel tempo si risolverà, magari è solo bloccata da qualche trauma (forse per la nascita del fratellino).

Poi la "rabbia": ma perché?, perché LEI, bimba così piccola,dolce e bella? NON È GIUSTO!!!

Segue la "contrattazione": magari (visto che nella sfortuna siamo stati fortunati a scoprirlo relativamente presto) le terapie faranno i "miracoli" e si sbloccherà!

"Depressione" beh.... quella è comparsa dal primo giorno e non mi lascia più.

"Accettazione" - NO! MAI! Mai potrò accettarlo!

Intanto è passato un anno, un anno pieno di dolore... qualcuno mi ha detto che il genitore del bimbo autistico soffre molto di più rispetto a lui... poca consolazione.... Ma io ci spero, spero ancora perché mia figlia è straordinaria, perché in questi 12 mesi mi ha dimostrato che è più forte di me e del suo problema.

In questi 365 giorni ha imparato a mangiare da sola, ha cominciato a ripetere le parole (sa anche contare e riconoscere i numeri fino a 10!) e riesce anche a fare le richieste: "mamma voglio....." e adesso abbiamo tolto anche il pannolino in 3 settimane! Anche di notte... qualche incidente prima di addormentarsi le capita, ma comunque è bravissima ed io non posso non essere fiera di LEI! Questo mi fa credere in un futuro migliore!

Dodici agosto duemilaquattordici - a un anno di distanza ho scoperto che noi genitori siamo fragili e la forza per andare avanti ci danno i nostri figli!

(messaggio arrivato attraverso la nostra pagina Facebook)


Vuoi lasciare un commento a questa mamma coraggio? Scrivilo tra i commenti di questa pagina.


Vuoi scriverci anche tu una storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it


Leggi anche:

 

LE ULTIME STORIE