Home Storie Allattamento

Allattamento, un gesto naturale. Come sono riuscita a farlo nonostante le difficoltà

di mammenellarete - 26.05.2020 - Scrivici

allattamento
Fonte: Shutterstock
Dopo tante difficoltà e grazie ad un'ostetrica esperta, sono riuscita ad allattare mia figlia. Se inizialmente l'allattamento non si avvia nel migliore dei modi, prima di arrendervi, e se desiderate profondamente allattare, consultate una figura esperta in allattamento. E se poi l'unico rimedio resta l'artificiale, bene lo stesso. Ma almeno in cuore vostro saprete di avere tentato tutto il possibile.

Sono una giovane mamma di 29 anni. Ho una bimba di 15 mesi, la mia dolce Aurora. Voglio condividere con voi, la mia esperienza di allattamento. Augurandomi che ciò possa essere utile, per chi di voi come me, ha incontrato qualche ostacolo iniziale.

Una volta data alla luce la mia creatura, scelsi di tenere la bimba in stanza con me e non al nido. Come primo istinto ebbi proprio quello di attaccarla al mio seno. Percepivo nella piccina un senso di grande fatica nel momento della suzione. Mi rivolgevo alle ostetriche del reparto, per chiedere supporto, ma queste ultime, erano vaghe e sbrigative. Mi accorsi subito che come me, anche le altre mamme erano poco supportate.


Una volta giunta a casa, dopo sette giorni, notaii attraverso le pesate, che la mia bimba stava crescendo poco. Non persi tempo a rivolgermi , ad un valido pediatra. Il verdetto fu che il mio latte non era di buona qualità e che dovevo subito dare il latte artificiale. Tornata a casa piansi.

Mi ritrovavo con un seno pieno di latte, in principio di mastite e con ragadi doloranti per via del non corretto attaccamento della mia neonata al capezzolo e soprattutto mi sentivo affranta, per non poter compiere quel bellissimo gesto naturale, di nutrire la mia piccolina.

Come sono riuscita ad allattare la mia bambina

Il destino dopo pochi giorni, mi fece incontrare una dottoressa che mi disse: "Non arrenderti, il tuo latte è buono. Affidati all'ostetrica Mary. Lei è esperta di allattamento, ti aiuterà". Contattai questa ostetrica. Mi diede appuntamento e verificò che avevo ancora latte. Mi prescrisse un ottimo integratore per allattamento e in special modo mi fece allattare davanti ai suoi occhi.

Mi spiegò come attaccarla al capezzolo correttamente e come stimolarla ogni volta che pigramente smetteva di succhiare. Mi spiegò che più spesso il bimbo pappa e più latte viene prodotto, ecco perché le poppate devono essere frequenti! Iniziai ad attaccare Aurora ogni ora. Ogni settimana lei ci visitava. Pesava la bimba e gradualmente potevo diminuire la somministrazione dell'artificiale.

Aurora stava prendendo peso con il mio latte. Fin quando dopo un mese di grande impegno e costanza recuperai un allattamento esclusivo al seno. Togliendo completamente l'artificiale. È stato un lavoro faticoso, ma ero spinta dall'amore che provavo, tenendo pelle a pelle la mia piccina. Da quel momento ho scelto di procedere con allattamento a richiesta e l'ho portato avanti fino al suo primo anno di età.

È una bimba sana e forte. Ho voluto condividere con voi tutto ciò per rendervi partecipi del fatto che non per tutte le mamme all'inizio l'allattamento è automatico e nemmeno per tutti i neonati. Incontrerete ospedali poco propensi a sostenere l'allattamento al seno.

Pediatri che preferiscono risolvere la questione prescrivendo un buon latte artificiale. Mastiti dolorose e ragadi. Ma se troverete il coraggio di non arrendervi e di cercare la soluzione alle difficoltà, sarete immensamente ripagate. A livello psicologico ed emotivo per i neonati, se possibile, è fondamentale essere allattati dalla propria mamma. Il seno per loro è rassicurante, è consolatorio, è sentirsi tutt'uno con la mamma, è nutrimento, è il più bel modo per addormentarsi. Se penso alla pace e la gioia che ho visto negli occhi di mia figlia durante l'allattamento so di aver fatto la cosa più giusta e naturale che una mamma possa fare.

Se inizialmente l'allattamento non si avvia nel migliore dei modi, prima di arrendervi, se desiderate profondamente allattare, consultate una figura esperta in allattamento. E se poi l'unico rimedio resta l'artificiale, bene lo stesso. Ma almeno in cuore vostro saprete di avere tentato tutto il possibile. Spero di esservi stata d'aiuto.

di Martina Farina

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it

TI POTREBBE INTERESSARE