Home Storie Allattamento

Pensavo di non avere latte, ma siamo arrivate a 4 anni di latte e di coccole

di mammenellarete - 02.03.2021 - Scrivici

prematuro
Fonte: Shutterstock
Spero che la mia storia, dall'inizio molto difficile, possa aiutare quelle mamme che partono sconfortate pensando di non avere latte perché i bimbi i primi tempi piangono molto o che credono di non poter allattare perché, come me, non hanno il bimbo vicino...

La mia bimba oggi ha quasi 6 anni... quando ero incinta ero una di quelle mamme che volevano allattare sì, ma solo fino a 6 mesi.

Una di quelle mamme che dicevano "Ah no, ma siamo matti allattare fino a 3 anni? Sono grandi ormai a quell'età!".

La mia guerriera prematura di 30 settimane

Quando la mia bimba è nata, prematura di 30 settimane, non ho potuto neanche vederla, me l'hanno portata via subito e trasferita nella TIN dell'ospedale... in quel momento con 3 flebo attaccate, una bimba di 1.030kg che lottava per vivere, lo sconforto e il senso di colpa per non essere riuscita a tenerla in pancia per il tempo necessario ho pensato che almeno dovevo riuscire a darle il mio latte.

Così ho puntato la sveglia ogni 3 ore, notte e giorno, e tiralatte alla mano ho iniziato a tirare... subito venivano fuori 2/3 ml di latte che mio marito portava con siringa e borsa frigo da un ospedale all'altro...

poi dopo 2 giorni più niente... ogni 3 ore tiravo aria... il seno faceva male, si spellava...

dopo 2 giorni di tiralatte vuoto ero pronta a mollare...

ma grazie a mio marito che mi incoraggiava, mi portava le foto della bambina ed anche ai medici che dicevano che per i prematuri il latte materno è un salvavita sono andata avanti e al terzo giorno il latte ha cominciato a uscire di nuovo piano piano sempre di più.

45 giorni in terapia intensiva

La mia bimba è stata in TIN per 45 lunghi giorni e per tutto il tempo ho tirato il latte ogni 3 ore: un po' lo portavamo a lei un po' lo congelavo.

Quando mia figlia è venuta a casa non ha mai voluto un biberon... ha sempre ciucciato al seno.

Non è stato facile... devi essere sempre presente, allattando a richiesta non ci sono orari... il bimbo chiede e tu sei lì pronta... ma pensare che quello fosse il bene di mia figlia mi ha sempre dato la forza di andare avanti...

Ora basta, è grande

Ho pensato molte volte "Ora basta, è grande", ma ogni volta che lei mi chiedeva la sua ciuccia guardandomi con quegli occhietti dolci mi dava la forza di continuare.

Moltissime volte parenti, amici, conoscenti e sconosciuti guardandoci ci hanno giudicate dicendo che il mio latte ormai era acqua, che la facevo crescere male, dipendente da me, che non si sarebbe più staccata... me ne hanno dette di ogni... ma noi siamo sempre andate dritte per la nostra strada convinte che fosse quella giusta. E così, siamo arrivate a 4 anni e 3 mesi di latte e di coccole. Il nostro percorso è finito naturalmente, come volevo che fosse, senza imposizioni e senza traumi, semplicemente una sera non si è attaccata, ha posato la mano sul seno e con la favola si è addormentata... e così ha fatto per tutte le sere successive. Nonostante fossi stanca alla fine ora un po' mi mancano quei momenti e tornassi indietro rifarei tutto esattamente uguale.

Spero che la mia storia, dall'inizio molto difficile, possa aiutare quelle mamme che partono sconfortate pensando di non avere latte perché i bimbi i primi tempi piangono molto o che credono di non poter allattare perché, come me, non hanno il bimbo vicino... volere è potere... è difficile ed a volte sembra quasi impossibile... ma si può fare... tenete duro perché il nostro latte per loro è importante!

Di mamma Martina

(Vuoi scriverci la tua storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it per vederla pubblicata sul sito)

TI POTREBBE INTERESSARE