Home Storie Allattamento

I problemi durante l’allattamento

di mammenellarete - 21.01.2009 - Scrivici

allattare-200.180x120
L’alimento primario con cui viene a contatto il bambino, già dal primo momento successivo alla nascita, è il latte. Esso contiene tutti i principi nutritivi necessari alla crescita e al suo sostentamento, ciò dimostrato dal fatto che il bambino, in genere, viene allattato sino ai 7 mesi circa (alcuni pediatri consigliano di prolungare l’allattamento fino all’anno di vita). Le caratteristiche di questo alimento (digeribilità, apporto calorico, apporto di anticorpi), soddisfano completamente le esigenze alimentari del neonato.

Ti potrebbero interessare anche...

 

 

Il latte della mamma

 

Colostro

 

Latte maturo

 

Potrebbe accadere, come emerge da questo video, che il bambino non riesca a nutrirsi solo con il latte materno.

 

E allora, come si fa a capire, nei primi giorni di vita, se il bambino è ben nutrito oppure no?

 

I consigli per le mamme.

 

Controllare sempre le urine e le feci del bambino: se le prime sono abbondanti e le seconde hanno una frequenza di tre volte al giorno per i primi mesi, e almeno una volta ogni tre quattro giorni per i mesi successivi, allora il bambino è nutrito bene.

 

 

Esistono mamme che, per svariati motivi, non possono allattare

 

- per problemi di salute (assunzione medicinali incompatibili con l’allattamento) - per via della suzione troppo debole del bambino - a causa dell’eccessivo tempo di distacco (che sia solo per ore o per giorni) tra mamma e figlio - per la poca produzione di latte

 

E allora come deve comportarsi la donna che sa di non poter allattare il proprio bambino?

 

In questi casi ci si affida al latte artificiale, la cui rilevanza sostitutiva non va messa da parte. Ovviamente, non risulta così naturale quanto quello materno, ma costituisce una valida alternativa sia nei primi periodi di vita del nascituro.

 

La scelta del latte formulato e in seguito del latte di proseguimento deve essere consigliata dal pediatra.

 

Foto: Flickr

 

articoli correlati