Home Storie Allattamento

I consigli per l’allattamento al seno

di mammenellarete - 19.08.2009 - Scrivici

allattameno-seno-consigli_big.180x120
Come meglio affrontare l'allattamento al seno. Dopo aver affrontato il momento difficile del parto, una mamma viene a contatto diretto con delle azioni naturali che deve compiere per la crescita del suo piccolo, come l’allattamento. Molte sono le neomamme che incontrano difficoltà nel compiere questa azione naturale ed esprimono i loro dubbi a riguardo. Come si allatta?

Segue >>>

 

Prima dell’allattamento: la preparazione

 

Innanzitutto è necessario, come prima regola, che mamma e bambino siano comodi per favorire un allattamento rilassato:

 


  • la posizione della mamma può essere seduta, magari con l’aiuto di uno sgabello per appoggiare le gambe, oppure sdraiata (molte mamma sono costrette, soprattutto nei primi periodi di vita del piccolo, ad allattare anche di notte;
  • la posizione distesa ideale è quella su un fianco rivolta verso il piccolo che porterà la sua testolina all’altezza del seno della mamma con la bocca verso areola e capezzolo.
  • se la mamma è seduta, il piccolo va riposto sul grembo con il corpo aderente a quello della mamma, con gambe, torace e testa tutte sullo stesso asse. Il nasino è rivolto verso il seno della mamma e il mento aderisce al seno stesso.

 

Segue >>>

 

Prima di cominciare ad allattare è preferibile sterilizzare con acqua tiepida e garza la zona del seno materno che il piccolo utilizzerà per la poppata: passare la garza partendo dall’areola e finendo al capezzolo.

 

In genere la fase della poppata, dura dai 10 ai 40 minuti.

 

È bene svuotare entrambe i seni, destro e sinistro, cominciando prima con l’uno e a metà poppata, passare all’altro ripetendo la stessa operazione.

 

Il bimbo deve avere visibilmente la bocca aperta quando si sta per cominciare la poppata e l’areola deve essere visibile dal labbro superiore e non visibile da quello inferiore, questo è sinonimo di buona aderenza della bocca del piccolo al seno. Inoltre, le guance del bambino devono essere piene e non mostrare alcun segno o linea di svuotamento o fossette, perché questo indica che il bambino non sta succhiando bene, la sua bocca non aderisce bene al seno e sta solamente ingurgitando aria.

 

Segue >>>

 

Per facilitare la presa del seno da aperta del piccolo è consigliabile tenere con le dita il seno: il pollice sopra l’areola e magari l’indice, sotto. È preferibile, inoltre sostenere il seno con le altre dita in modo da tenerlo fermo e facilitare la presa del bambino.

 

Quando si è a metà della poppata, è necessario passare all’altro seno. Se il piccolo non vuole staccarsi, con gesti delicatissimi, si può allontanare la sua boccuccia dal seno facilitandosi con l’aiuto del dito posto tra il capezzolo ed una parte laterale della bocca del bambino.

 

Quando il bambino non ha più voglia di latte, sarà lui stesso ad allontanare la testolina dal seno.
A poppata conclusa, si consiglia di ripulire il seno sempre con della garza ed acqua tiepida e magari lasciarlo anche libero all’aria per facilitare il rilassamento muscolare.
Dopo l’allattamento riporre il piccolo in posizione eretta verticale con il corpo appoggiato al petto della mamma e la testolina su una spalla della mamma e dare piccoli colpettini sulla schiena per facilitare il cosiddetto “ruttino”.

 

Approfondisci l'argomento dell'allattamento al seno con i videomessaggi dell'esperta Carabetta.

 

articoli correlati