Il girello Il girello
il 03 Febbraio 2009, Di mammenellarete
In genere, il girello viene utilizzato nella fase in cui il bambino non sa ancora camminare da solo ma riesce a stare seduto, quindi verso i 6 mesi.
Molte mamme lo comprano per i propri bambini, ma questa scelta, negli anni, è stata oggetto di discussione.
Seguendo le norme europee, la struttura del girello sembra essere sicura: non si ribalta, i materiali sono atossici, ha una struttura anti-urto, il sedile è imbottito, dispone di un sistema di sicurezza che ferma il girello nel momento in cui non è più su una superficie (ad esempio se ci si trova su un gradino); inoltre, la mutandina, dove viene fatto sedere il bambino, è morbida ma resistente (in tessuto o in plastica).
La convinzione comune è che questo strumento aiuti i piccoli ad affrontare i primi passi. In realtà, alcuni studi sostengono l’ipotesi che, il girello possa comportare un ritardo, rispetto ai bambini che non ne fanno uso, nell’ imparare a camminare e a coordinare i movimenti.
...continua
Nonni e bambini Nonni e bambini
il 03 Febbraio 2009, Di mammenellarete
I nonni sono una figura da non trascurare nella vita di un bambino.
Spesso, anche da adulti, ci si ricorda dell’appoggio, della dolcezza, della complicità che si aveva con i propri nonni.
I genitori, quando possibile, li preferiscono alle babysitter. Spesso però, si tende a considerare la casa dei nonni come il “parcheggio” dei piccoli. Ma è molto più di questo.
Il tempo che i bambini trascorrono con loro è parte della loro formazione ed educazione. Anche in quei momenti, apprendono regole di comportamento e costruiscono parte della loro identità.
Un nonno troppo permissivo potrebbe viziare il bambino o peggio, mettersi contro le norme dei genitori e far sembrare loro i cattivi della situazione. Il bambino potrebbe percepire, come eccessive, le regole di mamma e papà e di conseguenza anche sottovalutare la loro autorità.
...continua
Attività fisica in gravidanza Attività fisica in gravidanza
il 03 Febbraio 2009, Di mammenellarete
Durante la gravidanza, può succedere che molte donne comincino ad avvertire dolori ai muscoli e alle ossa.
A causa del peso della pancia che si unisce al trascinamento in avanti, al fine di cercare un nuovo baricentro, la lordosi è molto comune. Questa postura può anche comportare un rilassamento del cingolo pelvico. L’aumento del seno, inoltre, può provocare una cifosi dorsale, in base allo stesso principio per cui viene a formarsi la lordosi: lo spostamento del baricentro.
...continua
La procreazione assistita La procreazione assistita
il 02 Febbraio 2009, Di mammenellarete
La procreazione assistita è l’insieme di tecniche mediche che permettono ad una coppia di avere un bambino senza avere un rapporto sessuale.
In Italia è regolamentata dalla legge 40, deliberata dal Parlamento nel 2004 e ridefinita in alcuni suoi punti nel 2008.
La legge del 2004 definisce le “linee guida contenenti le indicazioni delle procedure e delle tecniche di procreazione assistita”.
L’articolo 1 ne descrive le finalità:
1. Al fine di favorire la soluzione dei problemi riproduttivi derivanti dalla sterilità o dalla infertilità umana è consentito il ricorso alla procreazione medicalmente assistita, alle condizioni e secondo le modalità previste dalla presente legge, che assicura i diritti di tutti i soggetti coinvolti, compreso il concepito.
2. Il ricorso alla procreazione medicalmente assistita è consentito qualora non vi siano altri metodi terapeutici efficaci per rimuovere le cause di sterilità o infertilità.
...continua
Papà e figlio: l’importanza di passare del tempo insieme Papà e figlio: l’importanza di passare del tempo insieme
il 01 Febbraio 2009, Di mammenellarete
Il papà è una figura importantissima per il bambino. In genere, si tende a dare importanza al rapporto con la mamma; questo risulta abbastanza naturale, in quanto è lei, la figura che ha più occasioni di rapporto intimo con il bambino: la gravidanza, la nascita, l’allattamento e nei primissimi momenti di vita.
Ma il papà non è da considerare in secondo piano. In psicologia, infatti, il papà e la mamma sono entrambi considerati i caregivers (che si prendono cura del bambino) per eccellenza; prima degli altri componenti della famiglia e delle altre persone, che possono avere una relazione importante con il piccolo.
...continua
Il biberon: tutti i consigli per le mamme Il biberon: tutti i consigli per le mamme
il 31 Gennaio 2009, Di mammenellarete
Il biberon è uno degli strumenti per la pappa più utilizzati nel primo periodo di vita del neonato. Lo si usa per il pranzo, con i biscotti disciolti, per la merenda, per l'acqua, la camomilla e per l’ultimo pasto prima della nanna. Come per l'allattamento al seno (generalmente il neonato va allattato fino intorno ai 7- 8 mesi), anche per il biberon il bambino ha i suoi tempi e le sue esigenze da rispettare, che non vanno sottovalutate.
In media, il piccolo sente il bisogno del biberon fino all' età di 12 – 18 mesi (anche se gli esperti sostengono che, già a partire dai sei mesi, è possibile offrirgli la tazza irrovesciabile: pratica, maneggevole ed adattabile ai suoi bisogni). 12/18 mesi, potrebbe sembrare un'età troppo avanzata per utilizzare ancora il biberon; ma l'età esatta non conta, come in qualsiasi altro approccio del bambino (gattonamento, primi passi, l’abbandono del pannolino).
...continua
Il sesso in gravidanza Il sesso in gravidanza
il 30 Gennaio 2009, Di mammenellarete
Avere rapporti sessuali durante i nove mesi di gestazione non ha controindicazioni. Il bambino è protetto nel sacco dell'utero e prepara la muscolatura pelvica al parto. Va evitato solo in alcuni casi.
Una volta sdrammatizzata la leggenda per cui l'organo maschile disturberebbe la tranquillità del feto, la madre può tranquillamente avere dei rapporti con il proprio partner.
Quali i consigli per vivere meglio il sesso in gravidanza
...continua
Caro Bebè. Storia di una mamma imperfetta Caro Bebè. Storia di una mamma imperfetta
il 29 Gennaio 2009, Di mammenellarete
Abbandono per un attimo il consueto stile allegro e scanzonato per denunciare, nel mio piccolo, le gravi mancanze che ho riscontrato nella mia esperienza di maternità. Non so se sia colpa dello stato, colpa mia, o della mentalità retrograda delle persone che ci dovrebbero guidare, o degli ospedali... ma vi racconto cosa è successo a me, sperando che lo facciano anche le altre, perché vorrei che finalmente esplodesse un caso più importante delle quotidiane cialtronate a cui siamo sottoposti. Quello dell'essere mamma in Italia.
...continua
La socializzazione nei bambini La socializzazione nei bambini
il 28 Gennaio 2009, Di mammenellarete
Quando i bimbi cominciano a crescere, si ritrovano a frequentare ambienti sociali (la scuola, il parco, le ludoteche, i ritrovi per i piccoli) e, quindi, ad essere a contatto con gli altri coetanei.
Ma come avviene la socializzazione tra i piccoli?
Come mai alcuni riescono ad interagire facilmente ed altri meno e con molte difficoltà?
...continua
Il box: una gabbia o una protezione? Il box: una gabbia o una protezione?
il 23 Gennaio 2009, Di mammenellarete
Voi come lo definireste il box?
È stata sempre sottolineata la valida opportunità di tale strumento: la mamma adagia il piccolo e continua le sue faccende, sicura che il bambino non corra pericoli di alcun genere.
È immerso nel suo mondo con i suoi giocattoli e in uno spazio circoscritto.
Questa “restrizione” serve a proteggerlo, ma molte mamme temono che il box possa essere una “prigione” per il loro figlioletto, che non dia la possibilità di muoversi completamente (esercizio utile per cominciare a gattonare e accennare i primi passi) , o di scoprire lo spazio che desidera.
Allora come cercare di unire le esigenze del bambino e quelle di una mamma sola, che necessita, comunque, di sbrigare le sue faccende domestiche?
...continua
Il compleanno dei piccoli Il compleanno dei piccoli
il 22 Gennaio 2009, Di Redazione
Il compleanno è sicuramente un momento di festa per tutta la famiglia.
E i primi sono sempre i più emozionanti.
Il primo anno di vita del bambino scorre via abbastanza velocemente
e quando arriva ci si rende conto di quanto è cresciuta
la creatura che ha cambiato completamente la vita di mamma e papà.
...continua
In viaggio dal pannolino al vasino In viaggio dal pannolino al vasino
il 21 Gennaio 2009, Di mammenellarete
Prima o poi questo momento arriva.
Bisogna togliere il pannolino e cominciare a usare il vasino.
È un momento delicato per il bambino, un passo importante verso il distacco dalla mamma.
Arriva circa verso i 2 anni, e le bambine sono in genere più precoci dei maschietti.
Ma non è una regola generale per tutti e non c’è da preoccuparsi se il bambino dovesse metterci più tempo.
...continua
I problemi durante l’allattamento I problemi durante l’allattamento
il 21 Gennaio 2009, Di mammenellarete
L’alimento primario con cui viene a contatto il bambino, già dal primo momento successivo alla nascita, è il latte.
Esso contiene tutti i principi nutritivi necessari alla crescita e al suo sostentamento, ciò dimostrato dal fatto che il bambino, in genere, viene allattato sino ai 7 mesi circa (alcuni pediatri consigliano di prolungare l’allattamento fino all’anno di vita).
Le caratteristiche di questo alimento (digeribilità, apporto calorico, apporto di anticorpi), soddisfano completamente le esigenze alimentari del neonato.
...continua
Andare gattoni: le preoccupazioni delle mamme Andare gattoni: le preoccupazioni delle mamme
il 21 Gennaio 2009, Di mammenellarete
La dottoressa Di Ronzo, esperta in psicoterapia cognitiva comportamentale, oggi ci parla del gattonamento.
Quali sono le preoccupazioni in merito a questa fase di crescita del piccolo?
I dubbi comuni, alla maggior parte delle mamme, riguardano il ritardo nel gattonamento: come mai il bambino, giunto già agli otto-nove mesi di vita, non riesce a mettersi a carponi e nemmeno a compiere alcun tipo di movimento?
...continua
La merenda La merenda
il 20 Gennaio 2009, Di mammenellarete
La merenda è un momento della giornata da non sottovalutare.
Fare spuntini sani tra un pasto e l’altro serve a spezzare l’appetito in modo regolare, dando quel sostentamento necessario, allo stomaco e alla persona, prima dell’ora giusta per un nuovo pasto.
Nei bambini è una questione fondamentale, infanti o già grandicelli che siano.
E allora, cosa dare a merenda ai nostri piccoli?
Bisogna abituare i bambini, già dalla tenera età, a certe abitudini alimentari.
...continua
Il pranzo è servito: lo svezzamento Il pranzo è servito: lo svezzamento
il 19 Gennaio 2009, Di mammenellarete
Buona "la pappotta con la zucca"! Chiarab ci mostra la sua bellissima bambina alle prese con la pappa.
E noi parliamo di una fase importantissima nella vita dei nostri piccoli: lo svezzamento.
È il momento in cui il bambino passa dal nutrirsi di solo latte (materno o meno) all’assunzione graduale di altri alimenti.
Non è un momento da sottovalutare. È il primo passo verso la separazione dalla mamma ed ha un peso notevole per entrambi. Ogni bambino ha la sua storia di svezzamento ed è sempre utile rivolgersi al proprio medico di fiducia.
Lo svezzamento dovrebbe iniziare al 4° mese o comunque non più tardi del 6°mese.
...continua
I primi dubbi di mamme e papà: come lo chiamiamo? I primi dubbi di mamme e papà: come lo chiamiamo?
il 18 Gennaio 2009, Di mammenellarete
Una delle domande più frequenti che i genitori si pongono, già dai primi mesi di gravidanza della mamma è: come lo chiamiamo?La scelta del nome...
...continua
Perché non fumare in gravidanza Perché non fumare in gravidanza
il 17 Gennaio 2009, Di mammenellarete
Fumare in gravidanza fa male alla mamma e al feto. Le ragioni sono molteplici.
Innanzitutto, ancora prima del concepitmento, è bene sapere che fumare diminuisce la fertilità nell’uomo e nella donna quasi del 50%, influendo sull’equilibrio ormonale, la maturazione dell’ovulo, talvolta alterando l’endometrio nella donna e la produzione di sperma nell’uomo.
...continua
Come aiutare il primogenito ad accettare il fratellino o la sorellina Come aiutare il primogenito ad accettare il fratellino o la sorellina
il 15 Gennaio 2009, Di mammenellarete
Quando in casa arriva il secondo figlio, per il primogenito può essere difficile, soprattutto se ha un'età dai due ai quattro anni, perché il bambino è in una fase di egocentrismo.
La mamma e il papà devono seguire alcune regole per far sì che non nascano gelosie o conflitti e soprattutto che il primo figlio non pensi di essere abbandonato a causa del nuovo arrivato.
...continua
Come cambia la donna in gravidanza Come cambia la donna in gravidanza
il 15 Gennaio 2009, Di mammenellarete
In gravidanza il corpo della donna subisce dei cambiamenti visibili. La causa principale di tutto è lo sconvolgimento ormonale.
Affronteremo i seguenti temi:
;
;
;
;
;
.
...continua