fecondazione assistita

Infertilità di coppia: "guardo con fiducia al futuro"

Di mammenellarete
coppia2

17 Giugno 2014
Vi racconto la mia storia. Conosco mio marito al mio primo anno di università, ci siamo scelti fin dal primo giorno! E ci siamo riconosciuti e "completati" da subito.
Passano gli anni di università e poi inizia la ricerca del lavoro, ma giù è un po' difficile, allora lui si trasferisce a Firenze e tra mille difficoltà inizia i primi lavoretti. E anche se il lavoro è incerto, decidiamo di sposarci!
Da fidanzati ci piaceva immaginare la nostra vita con dei pargoletti per casa. Da sposati decidiamo di realizzare davvero questo sogno. Passano i mesi, ma passano anche gli anni e ad un certo punto decidiamo di affidarci ai medici. Io ho tutto ok, mio marito invece ha spermatozoi lenti e anomali. Il dottore dice di non preoccuparci e che questo non è da considerare grave.

Facebook Twitter Google Plus More


Analisi più approfondite escludono varicocele e infezioni, non ci sono tracce di batteri. I risultati degli spermiogrammi danno sempre miglioramenti. Circa due anni fa, all'ennesimo controllo, troviamo nello studio una dottoressa e non il dottore che ci segue abitualmente (quel giorno è impegnato in una conferenza). E' una dottoressa che ha appena 30 anni!

Non voglio giudicare in base all'età, ma le basta un secondo di tempo per leggere quelle analisi e queste sono le sue parole: "con questi numeri l'unica strada possibile è la fecondazione medicalmente assistita!". Inizia poi a spiegare tutte le tecniche come se fosse a un esame universitario. Non voglio assolutamente giudicare la professionalità della dottoressa, ma ci sono modi e modi...

Il nostro dottore "abituale" ci aveva spiegato che il percorso avrebbe richiesto del tempo e che, soprattutto, era da trovare la causa del problema. I "risultati" miglioravano e noi eravamo sempre più fiduciosi: poi tutto si ferma con le parole della giovane dottoressa.

Dopo i primi giorni di sconforto, ci siamo dati una pausa, basta visite e basta dottori. Nel frattempo arriva il contratto indeterminato per mio marito e un mutuo per una casa acquistata. Vogliamo credere in quel sogno e desideriamo ancora realizzarlo.

Il nostro nuovo medico di famiglia ci incoraggia e ci prescrive bioarginina e, dopo circa 6 mesi, i risultati sono stramigliorati. Il problema sta nella morfologia degli spermatozoi, solo il 2% è normale, il resto anomali! Consapevoli dei numeri, abbiamo prenotato la prima visita per infertilità di coppia all'Ospedale di Careggi… tra qualche settimana! Ho mille cose da chiedere su questo percorso, leggo su internet tantissime esperienze positive e negative. Per il momento non voglio fasciarmi la testa prima del tempo, affronteremo tutto giorno dopo giorno.

Grazie per la possibilità che ci date di raccontare le nostre esperienze, a volte basta una frase di incoraggiamento per acquistare fiducia e forza! Grazie davvero.

di una mamma anonima

(storia arrivata all'email nostrofiglio@redazione.it)

Storie correlate

Fecondazione assistita vista da lui
Infertilità senza causa per 8 lunghi anni
L'azoospermia è solo una delle cause di infertilità maschile

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it oppure scrivila direttamente nella sezione Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it!

Anche tu aspetti un bambino? Ti potrebbero interessare gli articoli sulla Gravidanza di nostrofiglio.it

LE ULTIME STORIE

Codice Sconto