Aborti spontanei

Dopo tre aborti e l'asportazione delle tube, è arrivata la mia principessa guerriera

Di mammenellarete
neonata

13 Giugno 2017
Il mio matrimonio durò diversi anni, ma non furono tutti felici. Anche perché affrontai tre aborti spontanei e l'asportazione di entrambe le tube. Evidentemente non era il momento giusto per avere un figlio ed io non stavo bene con mio marito. Arrivò la separazione e io rinacqui. In seguito incontrai la persona giusta, con la quale, grazie alla fecondazione assistita, diedi alla luce una bellissima guerriera: mia figlia. Mai perdere la speranza.

Facebook Twitter Google Plus More

Avevo solo 23 anni quando conobbi quello che sarebbe diventato mio marito. Tra convivenza e matrimonio restammo insieme circa 10 anni, ma  purtroppo non furono tutti felici. Nonostante tutto, provammo ad avere un figlio: nel 2010 rimasi incinta. La reazione fu positiva: io ero strafelice - e lo sottolineo - ma purtroppo la situazione divenne subito grave.

 

Si trattava di una gravidanza extra-uterina. Una mattina mi svegliai e svenni: avevo tante perdite e andai di corsa al pronto soccorso. Venni ricoverata poiché avevo un'emorragia e un'infezione: mi asportarono la tuba.

 

In seguito mi sentii davvero molto male, ma la voglia di un bambino non si placò e così ci riprovammo. Rimasi incinta altre due volte, ma ebbi degli aborti spontanei. Decisi a quel punto di non tentare più fino al 2012, anno in cui decidemmo che forse era arrivato il momento giusto. Io mi sentivo meglio, mi ero ripresa dal grande dolore.

 

Purtroppo però ebbi un'altra gravidanza extra-uterina e mi asportarono anche l'altra tuba. Nel frattempo le cose con mio marito peggiorarono e il matrimonio andò a rotoli. Ci separammo e io rinacqui.

 

Nel 2014 conobbi un angelo che mi fece ricredere sull'amore e che con tanta pazienza mi dimostrò che gli uomini non erano tutti dei mostri. Così iniziammo una bellissima storia. Gli dissi subito che non potevo avere figli se non con la fecondazione assistita, ma che non avevo alcuna intenzione di rimettermi in gioco. Invece, quando arriva la persona giusta, in gioco ti rimetti... eccome!

 

Così nel mese di maggio 2015 ci mettemmo in lista e dopo un anno ricevemmo la "chiamata". Io ero certa che stavolta sarebbe andata bene. Il primo giugno mi fecero il prelievo: su 10 ovuli fecondati ne sopravvissero 6. Il 6 giugno avvenne l'impianto di due. Il 20 giugno avevo le beta positive, il 27 giugno, durante la prima eco, scoprimmo che uno dei due si era attaccato. Sentivo che sarebbe arrivata la mia principessa guerriera.

 

Così il 23 gennaio nacque Eleonora, una forza della natura che oggi riempie le nostre giornate.

 

Questa è la mia storia. A volte non tutti i mali vengono per nuocere. Io ho trovato l'angelo che mi ha permesso di realizzare il mio sogno. Mai perdere la speranza.

 

di Luana

 

(storia arrivata alla pagina Facebook di Nostrofiglio.it, editata dalla redazione)

 

A un passo dall'aborto mio figlio ce l'ha fatta
Io mamma giovane, a un passo dall'aborto, ho scelto la vita
Aborto spontaneo: da una brutta depressione alla gioia di aspettare Leonardo

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it.

 

Anche tu aspetti un bambino? Ti potrebbero interessare gli articoli sulla Gravidanza di nostrofiglio.it

 

LE ULTIME STORIE