Aborto spontaneo

Sei volata in cielo prima che io sapessi di te. Ma quando tornerai sarò pronta a essere madre

Di mammenellarete
aborto

18 Maggio 2017
Ho scoperto di essere incinta quando già eri volata in cielo. Forse non eravamo pronti a diventare genitori. Ma ora ci impegneremo, cresceremo, ci prepareremo e costruiremo il meglio per te. Per il tuo ritorno. Ti aspettiamo amore. 

Facebook Twitter Google Plus More

Ho scoperto di essere incinta quando ormai era già tardi. Avevo un emorragia e così sono andata in ospedale. E lì ho ho scoperto di aver avuto un aborto.

Da quel momento si sono scaturiti nella mia testa tanti pensieri e sensi di colpa. Poi ce l'ho fatta a vedere il tutto con occhi diversi. Lì fuori ci sono sicuramente tante ragazze come me e forse questi pensieri possono aiutare. 

 

A te piccola mia che non sei venuta al mondo, non al modo giusto. Da mamma potrei rimproverarti, perché non ti sei fatta sentire? Perché non mi hai dato una possibilità? Ma la verità è che anche quando non eri ancora lì già ti amavo.

 

Sognavo di te, di coccolarti, di stringerti a me, di riempirti di baci e carezze, di addormentarci insieme aspettando papà, di donarti sorrisi, di farti il bagnetto, di vestiti da principessa.

Sei dovuta andar via perché forse la mamma e il papà non erano poi così pronti. Questa è l'unica spiegazione che riesco a darmi.

È forse l'unica cosa di cui siamo davvero colpevoli. Ti sei trasformata in un angelo, l'angelo più bello del paradiso, con i tuoi occhioni azzurri e i capelli ricciolini. Così ti immagino. Più bella di una notte calda d'estate con un cielo pieno di stelle. Prenditi cura di mamma e papà, ne abbiamo bisogno. E quando pensi che sia il momento giusto, torna. Noi nel frattempo ci impegneremo, cresceremo, ci prepareremo e costruiremo il meglio per te.

 

Storia di una mamma editata dalla redazione

LE ULTIME STORIE