Cesareo

Mia figlia protegge la famiglia dall'alto. E io sono di nuovo incinta

Di mammenellarete
donnaincinta

07 Luglio 2016 | Aggiornato il 26 Aprile 2017
Il 20 agosto 2009 diedi alla luce due splendidi gemellini: un maschietto e una femminuccia. Ero felice e mi sembrava di toccare il cielo con un dito. Mi misero il maschietto tra le braccia, ma non mi diedero notizie della femminuccia. Mi dissero che il cuore della mia principessa aveva cessato di battere. Il mondo mi cadde addosso. Sono andata avanti con tanta difficoltà e con la fede. Ora sono in attesa di quattro settimane  e ho il mio angelo in cielo che protegge la famiglia dall'alto.
 

Facebook Twitter Google Plus More

Il 20 agosto 2009 diedi alla luce due splendidi gemellini: un maschietto e una femminuccia. Ero felice e mi sembrava di toccare il cielo con un dito.

 

Ebbi un cesareo d'urgenza, ma nonostante tutto non avevo paura, perché a breve avrei avuto i miei miracoli tra le braccia.

 

Dopo il parto cesareo, mi misero il mio pargoletto tra le braccia, era meraviglioso. Le ore passavano, ma nessuno mi dava o accennava a notizie della mia bambina.

 

Dopo qualche ora, non ricordo bene quante ne siano passate, mi dissero che il cuore della mia principessa aveva cessato di battere. Il mondo mi cadde addosso. Io vedevo il mio piccolo e cercavo la mia piccola in ogni cosa!

 

A distanza di quasi sette anni immagino come sarebbe stata, se chiacchierona come il fratellino o più silenziosa... Con fede e con l'aiuto di Dio SI VA AVANTI.

 

IO SONO ANDATA AVANTI. Ho il mio angelo in cielo che protegge la famiglia dall'alto. Sono in attesa di quattro settimane e la paura è davvero tanta, ma cerco di vivere quanto più serenamente possibile!

 

di Giusy 

 

(storia arrivata alla pagina Facebook di Nostrofiglio)

Ti potrebbe anche interessare:

Arrivano due gemelli, ora ho quattro figli e una bella famiglia 

Sono una fiera mamma di tre gemelle

Infertilità senza causa per 8 lunghi anni 

 

Vuoi conoscere altri genitori? Iscriviti subito alla community per ricevere le nostre newsletter

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it 

LE ULTIME STORIE