Le possibili cause di ritardo del ciclo mestruale

utero_400
il 03 Maggio 2011, di mammenellarete

Per ciclo mestruale si intende il periodo di tempo, di circa 28 giorni, che intercorre fra l'inizio di due cicli consecutivi. Un ritardo sporadico è normale, mentre l'irregolarità ricorrente può rappresentare un'anomalia.
Vediamo le possibili cause.
Durante i primi anni dalla comparsa del menarca il ciclo è irregolare e spesso doloroso, per stabilizzarsi poi, in condizioni di salute stabile (in donne in età fertile e al di fuori del periodo gravidico e di quello puerperale), con un intervallo tra una mestruazione e la successiva che va dai 23 ai 35 giorni, e una durata delle perdite ematiche non superiore a 8 giorni.

Ti potrebbero interessare anche...

Un ritardo o l'assenza del ciclo mestruale (superiore ai 35 giorni ma inferiore ai 3 mesi) potrebbe essere sintomo di numerosi fattori:

- gravidanza - dosaggio ormonale (insufficienza ovarica, oligomenorrea, amenorrea) - alterazioni dell'ipotalamo (stress, disturbi alimentari) - alterazioni dell'ipofisi Il primo pensiero è che il ritardo sia il sintomo di una gravidanza, e un normale test lo può confermare. Una volta accertata l'assenza di una gravidanza, bisogna valutare che il ritardo può essere anche un evento sporadico, senza rilevare particolari problemi. Se invece le mestruazioni si presentano "in regolare ritardo", allora si parla di oligomenorrea. Con il termine oligomenorrea si intende un'alterazione del ritmo del ciclo mestruale, la persistenza di intervalli di tempo superiori ai 35 giorni ma inferiori a 3 mesi (oltre i quali si parla di amenorrea, ovvero di l'assenza prolungata del ciclo mestruale).

Bisogna eseguire test sui dosaggi ormonali, eventualmente un'ecografia pelvica e altri esami in base al sospetto clinico. Se il ciclo è accompagnato da forti dolori addominali, l'ecografia potrebbe individuare un caso di cisti ovariche.

Per favorire la regolarità del ciclo mestruale, bisogna: - seguire un’alimentazione bilanciata, che includa olio di oliva e frutta secca; - mantenere un peso corretto rispetto all’altezza: la magrezza eccessiva o il sovrappeso costituiscono un grave stress per l’organismo; - ridurre lo stress fisico o mentale, e dormire almeno sette o otto ore a notte; - praticare attività fisica; - cercare di essere felici.

Ti potrebbero interessare anche...

03 Maggio 2011
Non ci sono ancora commenti!
Cosa ne pensi? Scrivi un commento
Nome (minimo 6 caratteri) *
Email *
Inserisci il codice *
Commento (massimo 1000 caratteri) *
IL VIDEO CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
LE ULTIME STORIE
Ovaie policistiche: credevo che non avrei mai avuto dei figli e invece...
Quando il ginecologo mi disse che avevo le 
ovaie policistiche e che per me sarebbe stato difficile restare incinta, mi cadde il mondo addosso. Attraversai un periodo di depressione, ma per fortuna il mio compagno mi rimase sempre accanto. Finché scoprii per caso, dopo alcuni malori e alcune corse al pronto soccorso, di essere incinta di due settimane. Per fortuna è andato tutto bene: ora abbiamo una splendida bimba di 9 mesi, che è la nostra gioia. 
Riserva ovarica ridotta: l'amore ha vinto su tutto, persino sulla scienza
I medici mi dicevano che non avrei potuto 
avere figli. Ma l'amore ha vinto su tutto. Ha vinto sulle statistiche, sulle probabilità, sulla scienza e sulla paura. Mia figlia Victoria è nata il primo ottobre del 2014. Ogni tanto la guardo incredula. E' il mio miracolo.
TUTTI I VIDEO
iscriviti alle
newsletter
di nostrofiglio.it
Ricevi le news della settimana!
EDITORIALE
Gli ultimi articoli,
i video e le storie
GRAVIDANZA
Info utili e consigli
per le future mamme
NEONATO
Tutto sulla crescita
del bambino,
da 0 a 12 mesi
• fanno parte del network nostrofiglio.it: mammole.it
• ulteriori offerte della casa editrice G+J/M •
© Gruner+Jahr/Mondadori S.p.A.
Sede Legale: Via Battistotti Sassi 11/A ‚A 20133 Milano
Condizioni di utilizzo | Privacy | Cookie policy | Chi siamo | Pubblicità | Crediti
P.IVA e Reg.Imprese di Milano n. 09440000157
R.E.A. di Milano n. 1292226
Capitale Sociale : € 2.600.000 i.v.