L'utero e la gravidanza

utero_200
il 18 Agosto 2009, di mammenellarete

Come conoscere meglio i cambiamenti che subisce l'utero durante la gravidanza.
L’utero è costituito da due parti principali: - Miometrio che è la parete muscolare; - Endometrio, la mucosa che riveste la cavità interna.
La parte interna dell’organo femminile è soggetta a movimenti che tendono a diversificarsi durante le fasi del ciclo ovarico. Come si comporta l’utero dopo la fecondazione?

Ti potrebbero interessare anche...

Quando l’ovocita è stato fecondato, l’embrione (anche se non ancora tale) si installerà nell’utero intorno al quinto giorno. Dopo questo momento, grazie ai movimenti tubarici ciliari e peristaltici che dirigono le cellule fecondate al loro posto per annidarsi, esse potranno ricevere il “nutrimento” giusto, crescere e diventare prima embrione e poi feto. In questi primi giorni di assestamento, si potranno verificare delle perdite, dette perdite da impianto, di quantità poco consistente.

Ma cosa avviene nell’utero nel caso in cui avviene o non avviene la fecondazione?

Nel caso in cui non fosse avvenuta una fecondazione, l'endometrio si sfalderà e compariranno le mestruazioni.

Quando ci sono complicanze e l’embrione non riesce bene ad impiantarsi e ad aderirsi all’endometrio, può succedere che venga espulso con la mestruazione stessa. Questo distingue gli embrioni adeguati (che hanno presentano le giuste caratteristiche cromosomiche e genetiche per continuare a vivere), da quelli non adeguati. La presenza nell’utero di embrioni non adeguati, che verranno sicuramente espulsi, comportano comunque la positività del test di gravidanza per la presenza di un livello di ormone HCG adatto.

Perché capita che l'attecchimento tra embrione ed endometrio non avviene?

Può succedere che l’attecchimento tra embrione ed endometrio non avvenga nel modo adeguato per diverse cause:

  • disfunzioni ormonali o dei movimenti di peristalsi;
  • presenza di malformazioni come fibromi o polipi;
  • precedenti e difficoltose gravidanze;
  • precedenti aborti spontanei o volontari.
Può accadere infatti che l’embrione si annidi in modo esatto nell'utero,  ma che quest’ultimo perda il suo tono muscolare comportando, proprio durante la gestazione, la dilatazione del suo collo. Questo fenomeno si verifica quando una donna ha partorito più volte, o ha avuto complicanze di varia natura durante la gravidanza, quando i precedenti parti sono stati difficoltosi e quando, in passato, la donna ha subito aborti volontari. Quando il collo dell’utero comincia a dilatarsi c’è il rischio di un parto prematuro e o di perdita del piccolo, quando questo non ha raggiunto ancora lo sviluppo per ritenersi pronto alla nascita. Esistono soluzioni per ovviare alla dilatazione del collo dell'utero?

Per mantenere protetto il feto, tra la dodicesima e la ventunesima settimana di gravidanza, si può praticare il cosiddetto cerchiaggio. L’intervento, che viene effettuato in anestesia generale con un ricovero che non supera i tre giorni, consiste nel porre una benda di nylon intorno all’utero che verrà eliminata al sopraggiungere delle contrazioni del travaglio.

Hai mai subito qualche intervento in gravidanza? Passa sul forum e raccontaci la tua esperienza!

Foto di Joe

Ti potrebbero interessare anche...

18 Agosto 2009
Non ci sono ancora commenti!
Cosa ne pensi? Scrivi un commento
Nome (minimo 6 caratteri) *
Email *
Inserisci il codice *
Commento (massimo 1000 caratteri) *
IL VIDEO CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
LE ULTIME STORIE
Feto senza scatola cranica, la mia dolorosa esperienza
Dopo aver saputo di essere rimasta 
incinta, fui felicissima. Andai a fare l'ecografia con il mio compagno per conoscere il sesso del piccolo, ma, durante la visita, la dottoressa mi disse che il feto non possedeva la scatola cranica. Fu un dolore immenso per me. Dovetti abortire. Ora sono incinta nuovamente e spero con tutto il cuore che vada tutto bene.
La storia del mio parto naturale: "Una delle esperienze più belle della mia vita"
Ho ventitré anni e ho partorito l'anno scorso mio figlio in modo 
naturale. Scrivo la mia storia perché voglio raccontare la mia esperienza meravigliosa. La nascita di mio figlio fu un evento indimenticabile: i miei occhi non avevano visto creatura più bella e le mie orecchie non avevano mai sentito suono più bello come il suo pianto. Piangevo dalla felicità: il mio amore era lì e stava bene. 3080 gr per 50 centimetri di bellezza.
"Trombosi venosa profonda" poco prima del parto. La mia storia a lieto fine
Verso la fine del mese di novembre del 2013 io ed il mio compagno provammo per la prima volta ad avere un figlio.

Credevo che non sarei subito rimasta incinta, perché sapevo di avere le 
ovaie policistiche, ma quando effettuai il test gravidanza, a gennaio del 2014, il test risultò positivo. Fui da subito molto felice.

Le nausee non mi davano tregua, vomitavo in media due volte al giorno e inoltre l'ansia non mi abbandonava mai, ogni esame mi regalava qualche preoccupazione. Effettuai il bi-test, che risultò negativo nel complesso, ma aumentò il rischio di "trisomia 18". Così decisi di fare l'esame del DNA fetale, e per fortuna il bimbo era sano... sì bimbo, ERA UN MASCHIO!

Inoltre sembrava, dagli esami, che avessi una...
TUTTI I VIDEO
iscriviti alle
newsletter
di nostrofiglio.it
Ricevi le news della settimana!
EDITORIALE
Gli ultimi articoli,
i video e le storie
GRAVIDANZA
Info utili e consigli
per le future mamme
NEONATO
Tutto sulla crescita
del bambino,
da 0 a 12 mesi
• fanno parte del network nostrofiglio.it: mammole.it
• ulteriori offerte della casa editrice G+J/M •
© Gruner+Jahr/Mondadori S.p.A.
Sede Legale: Via Battistotti Sassi 11/A ‚A 20133 Milano
Condizioni di utilizzo | Privacy | Cookie policy | Chi siamo | Pubblicità | Crediti
P.IVA e Reg.Imprese di Milano n. 09440000157
R.E.A. di Milano n. 1292226
Capitale Sociale : € 2.600.000 i.v.