Complicazioni in gravidanza: la gestosi

gestosi_big
il 24 Marzo 2009, di mammenellarete

La gestosi è una malattia che compare in gravidanza. È conosciuta anche come preeclampsia e in media interessa circa il 5% delle donne incinte.
È una sindrome che si presenta intorno alla ventisettesima - ventottesima di gestazione, una complicanza di gravidanza che può avere effetti più o meno gravi.

--- Ti potrebbero interessare anche...

La manifestazione sintomatologica iniziale non crea problemi importanti, si può avvertire un leggero gonfiore diffuso, eccessiva ritenzione di liquidi e presenza di sali nell’organismo, tutto ciò accompagnato anche da un eccessivo e celere aumento di peso. Le lievi manifestazioni iniziali della malattia sono fondamentali per diagnosticarla, anche con un semplice esame delle urine. Quando la situazione non viene presa in considerazione dal ginecologo come si dovrebbe, allora possono comparire altri tipi di manifestazione più gravi.

I sintomi più importanti della gestosi sono l’aumento della pressione arteriosa, aumento delle proteine nelle urine (presenza di albumina che normalmente è assente nelle urine) e la comparsa di lividi su varie parti del corpo come gambe, mani e viso. Altre manifestazioni rilevanti legate alla gestosi sono la comparsa di dolori addominali, cefalea e disturbi visivi.

La gestosi, poi, può anche comparire in una forma molto più grave e le sue manifestazioni: attacchi epilettici, perdita di coscienza ed in casi estremi anche la morte. Questa forma grave di gestosi si chiama eclampsia imminente. In casi peggiori potrebbero comparire anche disturbi di circolazione e dell’attività renale che impediscono alla placenta di funzionare in modo corretto, causando quindi insofferenza fetale: ritardo nell’accrescimento con eventuale morte.

Le cause non sono completamente chiare, ma è la placenta ad essere interessata: si danneggia e comincia a liberare sostanze tossiche. I fattori che inducono la gestosi (detta anche tossiemia) non sono ancora del tutto note, ma le donne più soggetta al rischio della sua comparsa sono le primipare , le donne oltre i 39-40 anni, donne obese, chi è in attesa di gemelli, anche le donne che nella prima gravidanza hanno sofferto di pressione alta, di diabete o di problemi renali ed infine, le donne che fumano troppo. Quando la gestosi è in stato avanzato, il parto può essere anticipato di alcune settimane.

Il rischio del ritardato accrescimento del feto dipende dal minimo afflusso di sangue che non riesce ad arrivare dalla placenta. Per quanto riguarda la prevenzione è innanzitutto indispensabile monitorare il peso della donna e il controllo periodico dell’albumina presente nelle urine. I medici, in genere, consigliano di rimanere a riposo e seguire un regime dietetico povero di grassi per contrastare l’aumento di peso; inoltre, verrà anche controllata quotidianamente la sua pressione arteriosa e tenuto sotto controllo lo stato del feto per non incorrere in insofferenza fetale improvvisa. È anche prevista la prescrizione di farmaci anti-ipertensivi, esami del sangue e delle urine. In casi estremi, quando compaiono i sintomi gravi (come su elencato), il medico ritiene molte volte necessario indurre il parto adottando tutte le accortezze che un parto prematuro ed indotto può richiedere.

Hai sofferto di gestosi? Discutine con le altre mamme sul nostro forum "Aspetto un figlio"!

24 Marzo 2009
Non ci sono ancora commenti!
Cosa ne pensi? Scrivi un commento
Nome (minimo 6 caratteri) *
Email *
Inserisci il codice *
Commento (massimo 1000 caratteri) *
IL VIDEO CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
LE ULTIME STORIE
Ho contratto la toxoplasmosi in gravidanza
Ero 
incinta di quattro settimane, quando risultai positiva alla toxoplasmosi alle prime analisi del sangue. Ho pregato moltissimo che potesse andare tutto bene. Per fortuna, dopo l'avidity test, il mio ginecologo mi disse che i rischi erano bassi ed io, rasserenata, portai avanti la gravidanza. Antonio nacque bellissimo e sano. Ogni volta che lo guardo penso a come mi sarei sentita se avessi mai abortito a causa della mia paura e della mia fragilità. Ringrazio Dio per il dono che ho ricevuto. 
30 foto di futuri papà che baciano i pancioni
Cosa c'è di più dolce di un padre che riempie di coccole il proprio bimbo? E se questo piccolo non è ancora nato? Abbiamo chiesto ai genitori fan della nostra 
community on line su Facebook di inviarci le foto più belle dei baci dei padri ai pancioni delle future mamme. Ecco una dolcissima galleria fotografica con 30 foto di teneri papà e di bellissimi pancioni.
Feto senza scatola cranica, la mia dolorosa esperienza
Dopo aver saputo di essere rimasta 
incinta, fui felicissima. Andai a fare l'ecografia con il mio compagno per conoscere il sesso del piccolo, ma, durante la visita, la dottoressa mi disse che il feto non possedeva la scatola cranica. Fu un dolore immenso per me. Dovetti abortire. Ora sono incinta nuovamente e spero con tutto il cuore che vada tutto bene.
La storia del mio parto naturale: "Una delle esperienze più belle della mia vita"
Ho ventitré anni e ho partorito l'anno scorso mio figlio in modo 
naturale. Scrivo la mia storia perché voglio raccontare la mia esperienza meravigliosa. La nascita di mio figlio fu un evento indimenticabile: i miei occhi non avevano visto creatura più bella e le mie orecchie non avevano mai sentito suono più bello come il suo pianto. Piangevo dalla felicità: il mio amore era lì e stava bene. 3080 gr per 50 centimetri di bellezza.
TUTTI I VIDEO
iscriviti alle
newsletter
di nostrofiglio.it
Ricevi le news della settimana!
EDITORIALE
Gli ultimi articoli,
i video e le storie
GRAVIDANZA
Info utili e consigli
per le future mamme
NEONATO
Tutto sulla crescita
del bambino,
da 0 a 12 mesi
• fanno parte del network nostrofiglio.it: mammole.it
• ulteriori offerte della casa editrice G+J/M •
© Gruner+Jahr/Mondadori S.p.A.
Sede Legale: Via Battistotti Sassi 11/A ‚A 20133 Milano
Condizioni di utilizzo | Privacy | Cookie policy | Chi siamo | Pubblicità | Crediti
P.IVA e Reg.Imprese di Milano n. 09440000157
R.E.A. di Milano n. 1292226
Capitale Sociale : € 2.600.000 i.v.