Come dire al proprio datore di lavoro della gravidanza

Come-dire-di-essere-incinta-a-lavoro-400
il 15 Marzo 2011, di mammenellarete

Quando si scopre di essere incinta, una volta dato il lieto annuncio a familiari e amici, si deve comunicare la cosa in ufficio, qual è il miglior modo per farlo?
Nel caso in cui non ci siano particolari norme a riguardo, la futura mamma è libera di comunicare la sua gravidanza quando lo desidera. Una donna incinta avrà sempre e comunque diritto all'astensione obbligatoria a partire dal settimo mese a meno che non si svolga un lavoro a rischio, per cui sia necessario chiedere una maternità anticipata, o organizzarsi con il proprio datore di lavoro per ridurre il carico di lavoro pericoloso.


Questo in linea generale per quel che riguarda la normativa ufficiale sulla maternità, in via ufficiosa si consiglia di aspettare i canonici tre mesi, come per i familiari. In generale è meglio evitare di informare troppo in ritardo i propri responsabili a lavoro, un congedo per maternità prevede ovviamente una riorganizzazione del personale, quindi per evitare di creare disagi e problemi, a partire dal quarto mese è consigliabile rendere pubblica la gravidanza in ufficio. Questo è ovviamente il comportamento auspicabile in un ambiente di lavoro ideale, qualora la futura mamma si trovasse a lavorare con forme contrattuali particolari, è consigliabile conoscere bene tutta la normativa relativa ai congedi per maternità e alle forme tutelari riservate a una donna incinta con forme contrattuali non convenzionali.


Una volta stabilito quando dirlo, la donna incinta dovrebbe pensare al come comunicarlo, non ci sono regole precise, il tutto dipende dai rapporti e dalle dinamiche che esistono all'interno di un ufficio. Bisogna scegliere il momento giusto, assicurarsi che si tratti di un momento in cui il datore non sia impegnato o nervoso e magari accompagnare l’annuncio della notizia a un buon caffè. Una volta comunicato al capo, potrete dirlo a tutti gli altri, sarebbe spiacevole se il vostro datore di lavoro lo venisse a sapere da qualcun'altro.

È importante arrivare all'annuncio dimostrando di avere un programma per gli ultimi mesi prima del congedo obbligatorio, per poter valutare insieme il da farsi e il passaggio di consegne che la futura mamma dovrà fare a qualcun'altro. Se affronterete questo momento con serenità e onestà, il rientro non sarà traumatico e i vostri colleghi saranno sicuramente ben disposti nei vostri confronti per farvi riprendere il ritmo lavorativo.

15 Marzo 2011
Non ci sono ancora commenti!
Cosa ne pensi? Scrivi un commento
Nome (minimo 6 caratteri) *
Email *
Inserisci il codice *
Commento (massimo 1000 caratteri) *
IL VIDEO CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
LE ULTIME STORIE
Feto senza scatola cranica, la mia dolorosa esperienza
Dopo aver saputo di essere rimasta 
incinta, fui felicissima. Andai a fare l'ecografia con il mio compagno per conoscere il sesso del piccolo, ma, durante la visita, la dottoressa mi disse che il feto non possedeva la scatola cranica. Fu un dolore immenso per me. Dovetti abortire. Ora sono incinta nuovamente e spero con tutto il cuore che vada tutto bene.
La storia del mio parto naturale: "Una delle esperienze più belle della mia vita"
Ho ventitré anni e ho partorito l'anno scorso mio figlio in modo 
naturale. Scrivo la mia storia perché voglio raccontare la mia esperienza meravigliosa. La nascita di mio figlio fu un evento indimenticabile: i miei occhi non avevano visto creatura più bella e le mie orecchie non avevano mai sentito suono più bello come il suo pianto. Piangevo dalla felicità: il mio amore era lì e stava bene. 3080 gr per 50 centimetri di bellezza.
"Trombosi venosa profonda" poco prima del parto. La mia storia a lieto fine
Verso la fine del mese di novembre del 2013 io ed il mio compagno provammo per la prima volta ad avere un figlio.

Credevo che non sarei subito rimasta incinta, perché sapevo di avere le 
ovaie policistiche, ma quando effettuai il test gravidanza, a gennaio del 2014, il test risultò positivo. Fui da subito molto felice.

Le nausee non mi davano tregua, vomitavo in media due volte al giorno e inoltre l'ansia non mi abbandonava mai, ogni esame mi regalava qualche preoccupazione. Effettuai il bi-test, che risultò negativo nel complesso, ma aumentò il rischio di "trisomia 18". Così decisi di fare l'esame del DNA fetale, e per fortuna il bimbo era sano... sì bimbo, ERA UN MASCHIO!

Inoltre sembrava, dagli esami, che avessi una...
TUTTI I VIDEO
iscriviti alle
newsletter
di nostrofiglio.it
Ricevi le news della settimana!
EDITORIALE
Gli ultimi articoli,
i video e le storie
GRAVIDANZA
Info utili e consigli
per le future mamme
NEONATO
Tutto sulla crescita
del bambino,
da 0 a 12 mesi
• fanno parte del network nostrofiglio.it: mammole.it
• ulteriori offerte della casa editrice G+J/M •
© Gruner+Jahr/Mondadori S.p.A.
Sede Legale: Via Battistotti Sassi 11/A ‚A 20133 Milano
Condizioni di utilizzo | Privacy | Cookie policy | Chi siamo | Pubblicità | Crediti
P.IVA e Reg.Imprese di Milano n. 09440000157
R.E.A. di Milano n. 1292226
Capitale Sociale : € 2.600.000 i.v.