Bambini disabili

Mio figlio ha la sindrome di Down, ma non cambierei nulla di lui

 
bambinidisabili
bambino disabile

06 Aprile 2017
Care mamme di bimbi perfetti, sono madre di un figlio con disabilita cognitiva, ha la sindrome di Down, e non cambierei nulla di lui. Per questo quando leggo commenti di genitori che vorrebbero chiedere un risarcimento ai medici che non hanno saputo diagnosticare problemi nel feto, mi si gela il sangue... 

Facebook Twitter Google Plus More

Pubblichiamo una riflessione a commento della storia: Jason, il mio bimbo vivace nato senza un piedino e una manina

 

"Leggo le lettere di mamme che raccontano di bambini nati con disabilità o sindromi non diagnosticate prima della nascita. Leggo i commenti delle altre mamme e mi si gela il sangue: molte suggeriscono di chiedere dei 'risarcimenti' ai medici che non hanno visto che c'era, in quel feto, qualcosa di atipico.
Risarcimento per cosa? La maggior parte di queste mamme avrebbe anche potuto avere una diagnosi prenatale e poi, eventualmente, scegliere di abortire. Dire che la famiglia merita un risarcimento per la nascita del bambino significa vedere quel bambino come un peso, qualcosa (neanche qualcuno!!) che farebbe meglio a non esserci, che non è altro che un costo e non da né ha nessun valore come individuo.

 

Care mamme con i figli perfetti, quelli che hanno tutte le mani le dita le cellule e i cromosomi 'da manuale', sapete una cosa? 
I vostri figli non sono 'meglio' né hanno garanzia di crescere più felici. Né sarete voi risparmiate dalle sofferenze dell'essere mamme, perché nessun figlio sarà mai perfetto e almeno noi ce ne accorgiamo subito... e da lì in poi il nostro è un cammino di gioia, mano nella mano di persone davvero straordinarie.

La nostra società misura il valore delle persone in base al loro successo accademico (di recente uno dei commenti che ho letto diceva "l'importante è che mentalmente sia a posto..."). 
Beh sapete una cosa?
Sono mamma di un bambino con disabilita cognitiva, ha la sindrome di Down, e non cambierei nulla di lui. Niente. Quando la gente lo vede come un errore, come un bambino che avrei dovuto scegliere di non avere, io mi vergogno di noi umani che siamo così presuntuosi e superficiali e anche molto molto ignoranti.


Si, signore mie, la disabilità non è una tragedia. L'aborto forse è la giusta opzione per alcune persone, in alcune situazioni, ma deve essere fatto in maniera informata e coerente... 
A voi mamme impaurite dalla diversità e dalla non-eccellenza dico solo una cosa: c'è un po' di magia in ogni bambino "imperfetto" e solo chi ha il privilegio di fermarsi ad imparare da lui potrà vederlo.

Quando dite ad una mamma che può chiedere risarcimento per non aver abortito, state dicendo una sola cosa, e vi garantisco che non è né rispettoso né confortante".

 

Mamma anonima

LE ULTIME STORIE

Codice Sconto