Fecondazione assistita

Ho 43 anni e una bimba di 20 mesi. Sono al massimo delle mie energie

Di mammenellarete
mamma

10 Maggio 2016 | Aggiornato il 24 Luglio 2017
Quando ho iniziato a maturare l'idea di diventare madre, a 37 anni, i primi esami medici sembravano suggerire delle difficoltà da parte di mio marito. Fu un periodo molto duro. Ci fu tutto l'iter delle coppie sterili, poi accadde quello che speravamo. Dopo circa 2 anni di ricerche l'inizio di una gravidanza! Nostra figlia è nata sana e bella, con parto naturale. Tutti i giorni mi pare un miracolo che sia con noi. È vivace, simpatica e bellissima. Non sono in sovrappeso, non fumo, non bevo, non ho tante rughe, la vita non mi ha usurata e sono molto più felice e consapevole ora di 20 anni fa. 

Facebook Twitter Google Plus More

Leggo spesso di ventenni che definiscono le quarantenni come "nonne" dei propri figli. Lo trovo un giudizio frettoloso, superficiale e offensivo.

 

Innanzitutto perchè non si tiene per nulla in considerazione che ognuno ha la propria storia: il percorso formativo e lavorativo, le vicende sentimentali e gli sgambetti che la vita ci fa. Io ho studiato all'Università ed ho iniziato a vivere del mio lavoro (libera professione, con tutti i pro e contro...) verso i 28-29 anni.

 

Verso i 30 ho conosciuto il padre di mia figlia. Avevo molte incertezze ed ambivalenze a proposito della maternità. Ero innamorata del mio lavoro e mi pareva impossibile non investire tutte le mie energie in quello.

 

Quando ho iniziato a maturare l'idea di diventare madre (circa a 37 anni) i primi esami medici sembravano suggerire delle difficoltà da parte di mio marito. Fu un periodo molto duro.

 

Ci fu tutto l'iter delle coppie sterili: il periodo dei rapporti mirati (con inevitabili ripercussioni sull'equilibrio di una coppia), la ricerca della fase ovulatoria, l'iscrizione alle liste per la fecondazione assistita, gli innumerevoli esami necessari.

 

Poi accadde quello che speravamo. Dopo circa 2 anni di ricerche l'inizio di una gravidanza! Ne eravamo molto felici. Alla nona settimana però la prima ecografia rivelò che si era arrestata da tempo e non c'era più il battito del cuore del bambino.

 

Da lì in poi fu molto difficile rielaborare quello che, a posteriori, posso definire un vero e proprio lutto. L'aborto interno con il conseguente raschiamento, l'attesa delle mestruazioni successive dopo mesi... e soprattutto la ferita non riconosciuta, da me e dagli altri, da rimarginare.

 

Seguì poi un tentativo di fecondazione assistita, un'esperienza davvero terribile per lo scombussolamento che mi ha provocato soprattutto emotivamente. La fecondazione fallì. Nessuno dei due embrioni trasferiti in utero attecchì.

 

Mi ricordo benissimo lo sconforto. Mi ricordo anche che ero indecisa se proseguire o no i tentativi. Avevo iniziato ad appiccicare i cerotti necessari per ritentare, quando sentii che non ne potevo davvero più e li tolsi. Quel mese rimasi incinta.

 

Avevo 40 anni. Ho lavorato comunque fino al nono mese. La pancia non s'è vista fino circa al sesto mese. Non ho avuto disagi quasi di nessun tipo. La villocentesi ha escluso qualsiasi anomalia genetica. Ho partorito naturalmente senza epidurale e senza episiotomia.

 

Ho allattato in modo esclusivo fino al sesto mese e, come consigliato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, lo faccio tuttora. Ho 43 anni ed ho una splendida bimba di 20 mesi.

 

Tutti i giorni mi pare un miracolo che sia con noi. È vivace, simpatica e bellissima. Sta con tanto piacere con la nonna, di 67 anni: una donna colta e intelligente. È molto affettuosa con lei, ma anche autorevole e passano belle giornate a fare visite ad altre nonne e altri nipotini.

 

Mi sveglio tuttora più volte a notte e lavoro comunque full time. La forza di una mamma è la motivazione. E la mia è al massimo a prescindere dall'età. Non ricordo di esser stata mai una ventenne piena di energie. Quelle che avevo le ho anche adesso, nello stesso identico modo.

 

Non sono in sovrappeso, non fumo, non bevo, non ho tante rughe, la vita non mi ha usurata e sono molto più felice e consapevole ora di 20 anni fa. Auguri a tutte le mamme a prescindere dall'età. 

 

di Nadia

 

(storia arrivata alla pagina Facebook)

 

Ti potrebbero interessare: 

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it 

LE ULTIME STORIE