il bimbo cresce

Bambini e tecnologia

Di mammenellarete
tecnologia_bambini

09 Febbraio 2009
Il mondo della tecnologia è parte integrante della giornata dei nostri bambini. I bambini sono esigenti, ma anche informati e alla moda, si confrontano con gli altri bambini e la tecnologia li asseconda: ecco prodotto il cellulare di Hello Kitty e il Computer Kid di Clementoni con le fantasie delle Winks e di Cars. Secondo uno studio britannico, un bambino su 3 non può vivere senza computer.
Le statistiche informano sul tempo che i bambini passano davanti ad uno schermo video, che sia il pc, la tv o un videogioco: all’incirca 6 ore al giorno.
Non sorprende sapere che i piccoli sono ormai anche autori di oggetti tecnologici: è il caso di Lim Ding Wen, un bambino cinese che a 9 anni crea un’applicazione per disegnare con le dita sull’iPhone.
Le mamme si preoccupano e la tecnologia si adegua anche alle loro esigenze. Un esempio è LeapFrog, che crea un palmare “educational” (chiamato Text and Learn), per imparare l’informatica, o Blue Mind, che crea uno schermo che si spegne automaticamente se il bambino è a distanza ravvicinata dal video (in realtà il dispositivo si attiva anche se ad essere vicino è il cane o un qualsiasi altro oggetto).
Se la tecnologia a volte aiuta, la soluzione, però, va trovata autonomamente.

Facebook Twitter Google Plus More

Quali sono i pericoli di una dipendenza da tecnologia?

- l’allontanamento dal mondo esterno - la dipendenza vera e propria, per cui fare un viaggio senza pc o tv in camera, diventa problematico - la difficile gestione delle relazioni nella realtà, meno “comoda” e più “esplicita” del mondo virtuale

È importante, quindi, cercare di limitare le ore passate in compagnia di oggetti tecnologici. Essere impositivi a volte aiuta ma, spesso e volentieri, l’effetto di obblighi e punizioni è di breve durata. Meglio proporre delle alternative pratiche e divertenti: invitare degli amici, uscire, giocare all’aperto o fare sport. Non è certo questo il luogo per demonizzare la tecnologia.

Scegliere lo strumento tecnologico giusto, infatti, può essere anche un aiuto importante. Un esempio sono le tecnologie per bambini autistici: attraverso una tecnologia, detta “assistiva”, si possono potenziare le capacità di questi bambini, sfruttando il senso per loro maggiormente sviluppato, cioè la vista. Sembra essere questo un possibile sviluppo “positivo” della tecnologia “nemica”, come il titolo del nostro video.

I suoi mezzi sono quasi illimitati e se ne può fare un buon uso, cosciente e responsabile, utile e formativo, talvolta anche di supporto agli altri. Commentate il video nella nostra community! Discutetene con le altre mamme nel forum Bambino!

Foto: Flickr

LE ULTIME STORIE