Nostrofiglio.it Family Network


 

< torna a Nostrofiglio.it

mammenellarete

Il blog delle mamme per le mamme

Pancione

Gravidanza: le straordinarie competenze sensoriali del feto

X9S-1881929 - © - Alfredo Ausina

Durante la gravidanza tanti genitori si chiedono: il bambino ci può sentire? Avverte la nostra presenza? Che influenza hanno lo stato d’animo della mamma e tutto l’ambiente intorno a lui? Ce ne parla in questo intervento per mammenellarete Maria Grazia A. Flore, psicologa, specializzanda in psicoterapia psicoanalitica e membro del direttivo di Calliope Associazione Bio-Psico-Sociale
_____

“Da alcuni anni a questa parte abbiamo una risposta scientifica a questi quesiti: le tecniche ad ultrasuoni hanno permesso di osservare in tempo reale le reazioni del feto alle stimolazioni esterne; si è potuto mettere in relazione stimoli esterni, risposte del feto ed età gestazionale, e i risultati sono sorprendenti.

…continua

Mamma a 40 anni

Mamma a 44 anni: “ritengo un miracolo la mia gravidanza”

B19-529873 - © - Jaume Gual

Ho 44 anni e ritengo un miracolo la mia gravidanza. Ho sempre voluto essere una mamma giovane, ma scelte sbagliate di vita mi hanno portato ad avere una relazione stabile solo a 40 anni. Ho deciso di condividere la mia gioia e di raccontare la mia storia di mamma in età avanzata.
______

Quando io e il mio compagno decidemmo di provare ad avere un figlio, “non fummo più attenti”. Ma, vedendo che non succedeva niente, scegliemmo di fare degli esami.

I miei ormoni erano gli ormoni “stanchi” di una quarantenne.
Avevo una tuba chiusa, riaperta forse solo provvisoriamente dall’isterosalpingografia (esame noiosissimo). Questa era la mia situazione.
…continua

I post più letti

Incinta a 18 anni

Mamma a 18 anni: “volevano che io abortissi, ma oggi hanno tutti cambiato idea”

YK5-1175285 - © - Justin Paget

Sono rimasta incinta giovanissima. A soli  18 anni. I parenti di lui volevano che io abortissi. Nonostante le difficoltà che ho dovuto affrontare, la paura che non fosse sano e i contrasti a causa della mia giovane età, ho partorito un meraviglioso bambino. Abbiamo tenuto duro e oggi sono tutti felici. Vi racconto nei dettagli la nostra meravigliosa storia d’amore e tenacia.
______

Era il mese di luglio del 2013. Conobbi un ragazzo della mia comitiva. Fin da subito ci fu intesa tra noi, così iniziammo a frequentarci. In seguito nacque l’amore.

Dopo tre mesi decidemmo di partire per Londra in cerca di un po’ di fortuna. Alloggiammo a casa di due nostri cari amici che erano già lì da un anno. Fu così che trovammo davvero la fortuna. Sì, perché proprio lì, precisamente il 5 dicembre, scoprimmo che io ero incinta. …continua

Parto naturale

La storia del mio secondo parto: “è stato il mio primo figlio a chiedere al suo fratellino di venire al mondo al più presto”

XT2-1358689 - © - Robert Nystrom

Scrivo per raccontarvi l’arrivo del mio secondo ometto, Kevin, venuto al mondo con un parto velocissimo, quasi su richiesta del fratellino Cristian. Il mio primo figlio, qualche ora prima, aveva dolcemente chiesto a Kevin, ancora nel mio pancione, di arrivare al più presto. Sono felicissima di essere madre di due splendidi maschietti.

_____

Nel 2006 rimasi incinta del mio primo cucciolo Cristian. Fu una gravidanza da incubo, trascorsa a letto per minacce di parto. Ma il momento della nascita del piccolo fu stupenda, talmente tanto che a distanza di tutti questi anni il ricordo mi emoziona ancora.

A Natale del 2013 scoprii di essere, finalmente, di nuovo incinta! Subito provai una grande gioia, poi un po’ di timore per paura di ripetere l’esperienza negativa della prima gravidanza.

Invece la mia seconda “dolce attesa” fu bellissima. Tre giorni prima del parto ero addirittura a giocare a tennis con mio figlio e mio marito. La scadenza era prevista per il 22 agosto 2014. Ma evidentemente a Kevin quel giorno non piaceva.

Infatti alla quarantunesima settimana mi recai in ospedale per fare la visita di controllo. Qui mi dissero che il piccolo stava bene, ma che non aveva ancora molta voglia di nascere. Perciò mi rimandarono a casa, programmando una visita due giorni dopo.

…continua

Parto indotto

Il regalo più bello per mio figlio: un fratellino, futuro compagno di vita

X1T-1218284 - © - Ivanna Matson

Ecco la storia del mio primo parto, avvenuto a ottobre del 2012 e vissuto meravigliosamente. Quando Ludovico è venuto al mondo, era bellissimo: biondo e con gli occhioni sgranati, già curioso del mondo. Ora sto per fare il regalo più bello a mio figlio: un fratellino, Edoardo, che sarà il suo futuro compagno di vita.
_________

A Natale del 2011 io e mio marito decidemmo che il regalo più bello sarebbe stato, finalmente, il bimbo da noi tanto desiderato. Ci conoscevamo da 12 anni, eravamo sposati da due e avevamo il sogno di una famiglia tutta nostra sin da giovanissimi. Così tutto sarebbe stato perfetto.

Ci ripromettemmo di non prendere la nostra ricerca di un figlio come una “caccia alla cicogna”, ma di vivere questa esperienza con gioia e serenità, senza calcolare nulla e senza ansie, consapevoli che ci sarebbe voluto del tempo.

Evidentemente però il nostro bimbo aveva una gran fretta di arrivare e aspettava solamente che noi ci decidessimo. A gennaio ebbi un ritardo ma non diedi a ciò troppa importanza. Nei giorni precedenti non mi sentii molto bene, era in giro l’influenza. Poi pensai: “figuriamoci se posso essere già incinta, ho amici e parenti che ci hanno messo mesi!”

…continua

Mamma giovane

Incinta a 18 anni: “orgogliosa di essere riuscita a portare avanti la gravidanza anche senza lui”

FNL-11367 - © - Govert Vetten

Sono rimasta incinta a 18 anni. Ho dovuto affrontare parte della gravidanza da sola, perché il mio ragazzo mi ha abbandonato nei momenti più difficili. Oggi posso affermare di aver fatto la cosa giusta: sono orgogliosa di essere madre. Non mi sono mai sentita così amata come adesso.
______

Avevo 18 anni quando scoprii di essere incinta. Il 5 febbraio comprai il test di gravidanza e subito lo effettuai. Con grande stupore e con tanta ansia vidi quelle due temutissime linee. ERO INCINTA! Di 5 settimane e forse anche più.

Ero terrorizzata. Avevo paura di dirlo ai miei genitori. Avevo timore anche di dirlo al mio compagno, perché eravamo insieme solo da tre mesi. Ma mi feci coraggio, perché la mia scelta fu sempre una sola da subito: lo avrei tenuto. Presi immediatamente le mie responsabilità.

Lo dissi a mia madre, che rise dolcemente e mi disse: “io ci sono amore mio, qualunque decisione tu prenda”. Chiamai il mio ragazzo, che in quel momento era in gita con la scuola in Norvegia. Appena gli dissi tutto, l’unica cosa che lui seppe fare fu urlarmi contro. Continuava a dire: “non si può. TU DEVI ABORTIRE. Non possiamo tenerlo”.

…continua

Incinta a 18 anni

A soli 18 anni, ho scelto di andar via dall’Italia per amore di mio figlio

XN2-884752 - © - Larry Dale Gordon

Sono Alessia e sono incinta di otto mesi. Scrivo per raccontare la mia difficile storia. Ho solo 18 anni, ma è come se avessi già vissuto una vita intera. Io e mio marito siamo scappati dall’Italia a causa dell’ostilità dei miei e dei parenti. Non volevano che avessi il mio bambino. Ma sono contenta di aver scelto di fuggire: qui ho trovato una  nuova, “vera famiglia”.
______

Quando l’ho conosciuto, erano i tempi del liceo. Avevo 14 anni e frequentavo il primo anno. Mio marito invece era al quinto anno, nella mia stessa scuola. Non andavamo molto d’accordo, sembravamo cane e gatto. Eppure diventammo amici. E lo restammo per ben quattro anni.

L’amicizia pian piano si trasformò in qualcosa di più. Diventammo migliore amici. E quando anche io compii 18 anni, iniziammo a guardarci con occhi diversi, con gli occhi dell’amore. E ci innamorammo l’uno dell’altra. Bastarono un paio di appuntamenti per fidanzarci. Dentro di me sapevo che era quello giusto. Che momento stupendo!

Poi… la svolta nella nostra vita, nella nostra relazione. Dieci mesi dopo il nostro fidanzamento, quel test di gravidanza. Quelle due linee. Sottili, ma inequivocabili: scoprii di essere incinta.

Che colpo! Avevo solo 18 anni! La notizia ci turbò: avere un bambino non era certo nei nostri piani. E’ vero, ci conoscevamo ormai da 4 anni, sapevamo tutto l’uno dell’altro. Ma la nostra relazione era freschissima, stavamo insieme da appena dieci mesi!

Eppure la decisione da prendere era solo una: TENERLO e prenderci le nostre responsabilità.

…continua

Parto prematuro

Parto a 31 settimane: “sono felice di essere mamma di un bellissimo bimbo prematuro”

C41-196811 - © - FSG

Scrivo per raccontare la storia della mia gravidanza. Ho partorito inaspettatamente alla trentunesima settimana. E’ stato difficile affrontare un travaglio così presto: ho avuto molta paura che il bimbo non potesse farcela. Per fortuna è andato tutto bene e ora sono felice di essere mamma di un meraviglioso bambino prematuro.
_____

Tutto ebbe inizio il 4 gennaio 2014 quando, dopo 5 settimane di ritardo, scoprii di essere incinta. Io avevo 21 anni e il mio ragazzo aveva invece 23 anni. La scoperta della gravidanza inizialmente ci turbò un po’, ma poi accettammo con gioia l’arrivo del bimbo.

Nei primi mesi tutto si svolse regolarmente: le ecografie erano perfette e non c’era nessun problema. Alla morfologica della ventesima settimana scoprimmo che era un maschietto: proprio quello che desideravamo.

Si stava verificando l’esperienza più bella della nostra vita. Io e il mio ragazzo non avremmo mai potuto immaginare quello che sarebbe successo a breve!

Arrivò il giorno dell’ecografia alla ventiquattresima settimana e il ginecologo scoprì un accorciamento del collo dell’utero di 20 millimetri. Mi consigliò il riposo assoluto in un ospedale attrezzato di TIN, perché avrei potuto partorire da un giorno all’altro.

…continua

Mamme lavoratrici

Ritorno al lavoro con un bimbo di 4 mesi. E’ dura ma ho scoperto una forza incredibile … grazie a lui

ZON-5741851 - © - Zoonar/© 2014 Marku

Sono una felicissima mamma di un bimbo di cinque mesi. Da quando è nato, abbiamo vissuto in simbiosi: per me non è mai esistito niente di più bello al mondo. Sono però anche una mamma che lavora a tempo pieno: ho dovuto affrontare molti ostacoli per poter mantenere il mio lavoro e per riuscire a stare accanto a mio figlio. Ma noi donne siamo grandi e, se e quando vogliamo, possiamo fare cose incredibili.
______

Ho sempre sognato di essere una mamma giovane e, se avessi potuto, lo sarei diventata molto presto. Invece ho atteso per poter finire l’università e per affrontare in seguito la ricerca di un lavoro. Alla fine, il mio cucciolo è arrivato ed è stato il più bel regalo per il mio trentesimo compleanno.

Dal primo momento, però, sono stata cosciente che non sarebbe stato facile dal punto di vista organizzativo. Ho un bel lavoro che mi piace moltissimo e per il quale ho investito tanto in termini di anni di studio e di tempo libero.

Ma il grande e vero problema è che il mio lavoro dista circa 110 km da casa e per il momento non posso avvicinarmi. Per raggiungere il posto di lavoro in macchina spenderei quasi metà del mio stipendio e per questo motivo viaggio con i mezzi pubblici. Questo significa prendere ogni giorno un treno, la metropolitana e due autobus, per un totale di circa due ore di viaggio all’andata e due al ritorno.

Per essere in ufficio alle 8.00, parto da casa alle 6.00 del mattino, per poi rientrare verso le 19.30.

…continua

Aborto

Abbiamo sconfitto insieme la depressione. Poi è arrivata nostra figlia, ma il destino sembra accanirsi con noi

X4L-1042638 - © - Peter Widmann

 

Abbiamo sconfitto insieme la depressione e oggi siamo genitori di una meravigliosa bimba. Una settimana fa però il mio cuore ha cessato di battere

______________________________

“Mio marito ed io ci fidanzammo sei anni fa. Dopo i primi mesi di felicità, arrivò la prima batosta. Lui iniziò a soffrire di depressione e cominciò un calvario composto da psichiatri, psicologi e antidepressivi.

Dopo qualche mese si sentì meglio e ricominciammo a esser felici. Ma la felicità durò poco: si presentò ancora questa maledetta depressione e andammo avanti ancora tra medicine e medici inconcludenti. Poi giunse un po’ di benessere e decidemmo di sposarci.

Due mesi prima del matrimonio, purtroppo, tornò a farci visita la bestia nera. Fu una sofferenza per me organizzare il giorno che doveva essere il più bello della mia vita. Con tanta tristezza nel cuore, portai avanti i preparativi. Per fortuna però quel giorno ci divertimmo e nei mesi successivi vivemmo un periodo di pace. Che però durò poco, perché la depressione tornò a bussare alla nostra porta.

…continua

ARCHIVIO Calendario
dicembre: 2014
L M M G V S D
« nov    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031