Nostrofiglio.it Family Network


 

< torna a Nostrofiglio.it

mammenellarete

Il blog delle mamme per le mamme

Parto naturale

Il mio parto rapido in 15 minuti

Parto

Vi racconto il mio parto ‘precipitoso’. Sono alla 39esima settimana di gravidanza più 5 giorni: sto benissimo ed è sabato mattina. Dato che si avvicina il grande giorno, esco a comprare le ultimissime cose per accogliere il mio piccino.

Mentre cammino, sento dei dolori simili a quelli mestruali, ma non vi presto molta attenzione. Trascorro tutto il giorno fuori casa e questi dolorini sono sempre più frequenti. Comincio a pensare che forse sta arrivando il momento fatidico. Alle ore 23.50 inizio a sentire che arrivano ogni 5 minuti, ma non voglio andare in ospedale. So già che mi rimanderanno a casa, anche perché ho l’esperienza del primo parto.

Mia madre è con me e, preoccupata, insiste perché io vada in ospedale: così ci avviamo. Al pronto soccorso trovo solo l’infermiera, la dottoressa non è in stanza. L’infermiera mi manda a fare il tracciato.

…continua

Cesareo

Il mio parto cesareo: “sembrava che la mia bimba non volesse venire al mondo”

Neonato

Ciao a tutti, vi racconto la storia del mio parto. Conosco mio marito fin da piccola: da ragazzini siamo vicini di casa, poi lui si trasferisce in un’altra città. All’età di 22 anni lo ritrovo. Dopo vari tentativi di approccio da parte sua, finalmente cedo e ci mettiamo insieme. E’ il 2006. A settembre 2011 ci sposiamo.

Verso marzo 2012, decidiamo di interrompere la pillola e il 23 aprile 2012 faccio un test, che si rivela positivo. I nove mesi della gravidanza trascorrono senza nessun problema: non ho nausee né dolori… solo un po’ di acidità. Il termine della gestazione è previsto per il 31 dicembre 2012, ma io spero che nasca prima. Durante le feste di Natale sono già pronta a soffrire, ma niente. Passano Natale e Capodanno, ma la mia bimba non vuole venire al mondo.

Iniziano i monitoraggi, che porto avanti fino al 14 gennaio, data in cui decidono di ricoverarmi per l’induzione. Sono così in ansia, non ce la faccio più ad aspettare. “Poche ore altre” – penso – “e potrò stringere colei che mi dà i calcetti”.

…continua

I post più letti

Asilo nido

L’importanza della routine all’asilo nido

Asilo Nido

Ai colloqui iniziali, quando s’iscrive il proprio bimbo al nido, non si fa altro che parlare di routine. Ma che cos’è questa routine, e soprattutto, perché è così importante?

Innanzitutto, sappiate che l’equipe di lavoro (titolare, coordinatrice ed educatrici) s’incontra poco prima dell’inizio dell’anno scolastico per programmare ogni cosa, al fine di rendere il servizio migliore e affidabile.
Non per essere pignole, per avere tutto sotto controllo o per seguire un protocollo (passatemi il termine, tedesco…), ma per la stabilità emotiva di ogni singolo bambino.

…continua

Parto prematuro

Parto prematuro inatteso: “mio figlio è nato 40 giorni prima del previsto”

Neonato

Buongiorno a tutti, vi racconto la storia del mio parto prematuro.

Ad ottobre 2012 scopro di essere incinta e, dopo la prima visita, il ginecologo mi indica come data del termine il 26 giugno 2013. Io e il mio compagno siamo al settimo cielo: tutto procede per il meglio fino a marzo; in seguito ad un controllo mi viene detto che il collo dell’utero si è lievemente accorciato. Resto a riposo per una settimana e dopo una visita successiva, tutto pare essersi “stabilizzato”; ovviamente non posso fare sforzi eccessivi, ma siamo di nuovo tranquilli e sereni.

“Per scaramanzia” decido di non acquistare nulla in anticipo per il mio bimbo. Continuo ad aspettare, dicendo a tutti che ho ancora tempo per far tutto. Almeno, mie care, credo che sia meglio così. Il 18 maggio vado a fare un po’ di shopping con mia cognata e mia suocera, evitando i negozi per bambini. Torniamo a casa dei miei suoceri alle 17.30, io mi sento un pochino stanca e ovviamente affamata.

…continua

Parto prematuro

Intervento al cuore per la mia bambina, ma io ho tanta fiducia

Neonata

Ciao vi racconto la mia storia e la lunga battaglia che stiamo affrontando.

Il 28 maggio nasce la nostra bimba Aurora in anticipo di un mese. La piccola pesa 2280 Kg ed è lunga 45 centimetri.

Il parto avviene con un taglio cesareo d’urgenza dopo la rottura delle acque. La piccola viene messa in incubatrice: i medici mi dicono che deve solo prendere un po’ di peso.

Invece, dopo tre giorni, ci dicono che la bimba ha l’addome gonfio e viene trasferita all’ospedale Gaslini per ulteriori accertamenti. Durante il trasferimento la bimba viene stimolata dal viaggio ed espelle il meconio: arrivati in ospedale, facciamo controlli su controlli.

…continua

Parto prematuro

La mia esperienza di bimba prematura negli anni ’60

Bimba prematura

Vi racconto la mia storia.

Nei lontani anni ’60 la mia mamma ha vissuto cinque gravidanze finite male, prima di avere un figlio. Al quinto/sesto mese aveva sempre aborti spontanei, nonostante le attese fossero trascorse da lei quasi interamente a letto.

Nel 1968, all’ennesimo tentativo di gravidanza, precisamente al sesto mese compiuto da qualche giorno, la operarono d’urgenza, perché rischiava di perdere il bambino. Ed ecco che nacqui io. “Uno scricciolo di 1200 grammi” – mi diceva sempre il mio papà – “che sta sul palmo di una mano”.

A quei tempi era raro che i prematuri così piccoli sopravvivessero e all’ospedale Niguarda a Milano mi davano già per spacciata, tranne una coppia di medici cinesi che disse ai miei genitori: “questa bimba ce la farà”.

…continua

Aborto

Non c’è battito: “lo avrei amato per tutta la vita”

Donna che pensa

Salve a tutte, vi racconto la mia storia.

Ho 21 anni e mi chiamo Camilla. Ad aprile del 2013 conosco il mio attuale ragazzo, è subito colpo di fulmine, a marzo del 2014 mi trasferisco da lui e il 5 giugno scopro di essere incinta di una settimana. Faccio le beta hcg un giorno sì e uno no. Il mio bimbo cresce!

Prendo appuntamento con il mio ginecologo, lui dice che l’embrione c’è, ma non vede battito. Faccio altre tre ecografie e l’embrione è sempre senza battito. Sono un po’ spaventata, ma spero fortemente che prima o poi i dottori mi dicano che il battito c’è.

…continua

Storie d'amore

L’amore vince su tutto, anche sul futuro incerto

Coppia

Ciao a tutti, sono una mamma felice di una splendida bambina di 8 mesi, e vorrei raccontarvi la mia storia.

A 20 anni conosco il ragazzo che diventerà il papà della mia bambina e iniziamo a vivere una storia appassionata. Dopo tre anni vinco una borsa di studio di un anno all’estero e decido di partire: noi decidiamo di stare comunque insieme e di vederci abbastanza spesso.

Verso la fine dell’anno però lui perde il lavoro (dopo 6 anni): da quel momento cambia tutto. Inizia la ricerca di un nuovo posto, ma trova soltanto contratti a termine. La precarietà invade le nostre vite e abbiamo sempre meno spazio per noi, perché le preoccupazioni sono all’ordine del giorno. E’ un periodo orribile, tra lutti famigliari, separazione dei miei genitori e instabilità lavorativa, che non arriva mai. Riesco comunque a laurearmi ed inizio a lavorare. Lui invece si perde sempre di più, inizio a capire che fa uso di droga, sono spaventata, non so che fare. Lui non ammette i suoi problemi e nega l’evidenza. Io mi sento male perché penso di non essere riuscita a cogliere in tempo il suo malessere ed ora sento che è troppo tardi.

Ci lasciamo. Per giorni piango, mi butto giù, non vedo più il futuro.

…continua

Fertilità

Finalmente incinta dopo due anni di tentativi: l’attesa ne è valsa la pena

Incinta

Salve, vi racconto l’esperienza del mio parto.

Nel 2006 conosco un ragazzo che a luglio diventerà mio marito. Io ho 19 anni, lui ne ha 25. Ci conosciamo in modo davvero buffo su internet, sulla chat di MSN.

Dopo una lunga amicizia, decidiamo nel 2011 di metterci insieme e io, su consiglio della ginecologa, prendo la pillola, avendo le ovaie policistiche. Dopo un anno insieme, decidiamo di creare una famiglia.

Decido di smettere di prendere la pillola e, dopo un anno di tentativi senza risultati, smettiamo di provare ad avere un bimbo. Dato che ho queste maledette cisti, riprendo la pillola nel 2014, quindi quest’anno.

…continua

Cesareo

Gravidanza difficile e cesareo d’urgenza, ma alla fine tutto è andato bene

Pancione

Salve a tutte, mi chiamo Mariangela, ho 24 anni e ho un bambino meraviglioso di 21 mesi!

La mia esperienza del parto? Diciamo che non è stata tra le migliori. Vi racconto come è andata.

Vivo una gravidanza sofferta a causa del diabete gestazionale, durante la quale effettuo praticamente nove mesi di controlli extra e di analisi su analisi.

Alla trentottesima settimana si scopre che il mio bambino è podalico, ma decidono di farmi arrivare al termine della gravidanza, anche se con il diabete gestazionale non si dovrebbe.

…continua

ARCHIVIO Calendario
luglio: 2014
L M M G V S D
« giu    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031